L'immagine mostra l'aspetto di una discarica, vista a volo d'uccello
Credito: Tom Fisk/Pexels

Le discariche saranno ancora stracolme nel 2024?

Last Updated on Gennaio 10, 2024 by Vita Ecologica

Quando ero bambino, ricordo di aver appreso che le discariche erano stracolme. Mi hanno insegnato che stavamo buttando via così tanti rifiuti che stavamo scavando buche per metterli nel terreno. Ricordo anche che mi è stato insegnato che queste buche traboccavano e che bisognava fare qualcosa. Non sono più un bambino e mi chiedevo se le discariche sono ancora stracolme.

In questo articolo vediamo cosa ci dicono i dati e le statistiche più recenti (al 2023) sulle discariche nel mondo. Sono ancora stracolme? E cosa si sta facendo e si è fatto per porre rimedio alla situazione?

Che cos'è una discarica?

La foto mostra l'aspetto di una discarica, vista dall'alto.
Tangerang Sud, Banten, Indonesia. Credito: Tom Fisk/Pexels

Una discarica, nota anche come discarica, discarica o sito di rifiuti urbani, è il luogo in cui finisce la maggior parte dei rifiuti domestici. Le discariche di solito seppelliscono i rifiuti nel sottosuolo (da qui il nome di discarica). Una volta interrati i rifiuti, il terreno può essere venduto o utilizzato per altri scopi.

Le persone hanno sempre sotterrato i loro rifiuti da sempre. L'unica cosa che è cambiata è la quantità e il tipo di rifiuti che produciamo.

Statistiche sui rifiuti globali

In tutto il mondo, produciamo circa 2 miliardi di tonnellate di rifiuti solidi urbani ogni anno. Si tratta di quasi 4.000 tonnellate di rifiuti urbani prodotti ogni minuto (fate voi i conti!).

Il grafico seguente mostra la quantità di rifiuti urbani prodotti dalle diverse regioni del mondo nel 2016 e le proiezioni per il 2030 e il 2050. L'Asia orientale e il Pacifico hanno la peggiore produzione di rifiuti urbani oggi e potenzialmente anche in futuro. Anche per l'Africa subsahariana e l'Asia meridionale si prevede un aumento massiccio della produzione di rifiuti.

Un grafico mostra la produzione di rifiuti prevista per regione a livello mondiale.
Produzione totale di rifiuti e produzione prevista di rifiuti, per regione (milioni di tonnellate/anno). Credito: Banca Mondiale.org

Diamo un'occhiata alle statistiche mondiali sui rifiuti per Paese. Il Paese che genera più rifiuti al mondo è la Cina. Nel 2018, la Cina ha prodotto 15% di rifiuti a livello mondiale.. Tuttavia, è importante considerare anche i rifiuti prodotti pro capite.

Il grafico sottostante mostra i rifiuti prodotti pro capite. Rifiuti pro capite significa in relazione a ogni persona del Paese. Purtroppo non siamo riusciti a trovare dati sui rifiuti cinesi più recenti del 2014. Il I dati del 2014 suggeriscono che La produzione di rifiuti in Cina è di 653 g pro capite (si noti che questo dato è espresso in g, mentre il grafico sottostante è in kg).

Secondo gli ultimi dati, Austria, Stati Uniti e Norvegia sono stati i peggiori trasgressori.

Statistica: Produzione pro capite di rifiuti urbani nel mondo al 2021, per paese selezionato (in chilogrammi) | Statista
Per ulteriori statistiche, consultare il sito Statista

Una cosa è produrre molti rifiuti. Ma è anche importante pensare allo smaltimento dei rifiuti. Un Paese che produce molti rifiuti ma li gestisce in modo efficace è meno inquinante di uno che ne produce meno ma non li gestisce in modo efficace.

L'Indice globale dei rifiuti analizza il modo in cui i membri dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) generano e riciclano i loro rifiuti.

L'ultimo indice risale al 2022. I risultati mostrano che dei 38 membri classificati, i Paesi che gestiscono meglio i loro rifiuti sono la Corea del Sud, la Danimarca e la Germania. Va notato che questo elenco presuppone che i Paesi che inceneriscono i rifiuti siano più ecologici di quelli che utilizzano le discariche. Tuttavia, l'ecocompatibilità dell'incenerimento dei rifiuti è oggetto di dibattito.1-5

Detto questo, ecco la classifica dei Paesi che gestiscono meglio i rifiuti.

La tabella mostra l'ordine dei Paesi che produrranno più rifiuti per persona nel 2022 e nel 2019.
Paesi classificati in base alla maggior quantità di rifiuti prodotti per persona nel 2022 e nel 2019. Fonte: Sensoneo

Diversi Paesi, tra cui i primi tre, si vantano di strutture di riciclaggio avanzate. La Germania è stata citata come campione mondiale del riciclaggio.

  • Corea del Sud ha generato una media di 400 kg di rifiuti a persona. La metà di questi è stata riciclata, 88 kg/persona sono stati inceneriti e 46/persona sono stati messi in discarica.
  • Danimarca genera 845 kg/persona (un sacco!). Di questi 30% sono stati riciclati, 382kg sono stati inceneriti e 7kg/persona sono finiti in discarica.
  • Germania ha generato 630 kg/persona e ne ha riciclato quasi la metà, ha incenerito 30% e messo in discarica 4 kg/persona.

Purtroppo, i dati relativi agli Stati Uniti non sono stati aggiornati dalla pubblicazione dell'indice del 2019. All'epoca, il Paese produceva il maggior numero di rifiuti per persona. In media, ogni persona produceva circa 800 kg di rifiuti in un anno. Nonostante rappresentino solo il 4% della popolazione mondiale, gli Stati Uniti producono 12% dei rifiuti urbani del mondo.

Statistiche Eurostat sui rifiuti

Eurostat è un'iniziativa dell'UE che fornisce statistiche sull'Unione europea. Di nostro interesse, sono le statistiche sui rifiuti in Europa nel 2006 e nel 2021. Questo ci aiuterà a rispondere alla nostra domanda iniziale se le discariche stanno migliorando o peggiorando.

Il grafico mostra i rifiuti urbani generati nell'UE per paese nel 2006 e nel 2021
Statistiche sui rifiuti in Europa. È possibile vedere una versione più grande del grafico sul sito web di Eurostat. Crediti: Eurostat

Il grafico mostra un leggero aumento della produzione di rifiuti da 513 a 530 kg per persona tra il 2006 e il 2021. Tuttavia, se consideriamo i singoli Stati membri dell'UE, otteniamo un messaggio contrastante. Alcuni Paesi, come Belgio, Danimarca e Norvegia, hanno aumentato in modo significativo la produzione di rifiuti. Nel frattempo, Paesi come la Romania, la Spagna e il Regno Unito hanno ridotto in modo significativo i loro rifiuti urbani.

Un dato incoraggiante è che nel 2021 sono stati riciclati 49% di rifiuti urbani dell'UE (anche se c'è ancora molto da migliorare!). L'UE sta abbandonando il conferimento in discarica per passare all'incenerimento, al riciclaggio e al compostaggio, come mostra la tabella. Valuteremo il dibattito sull'incenerimento dei rifiuti in un altro articolo. Tuttavia, questi dati sono incoraggianti.

Tabella Eurostat che mostra i rifiuti urbani smaltiti in discarica, inceneriti, riciclati e compostati, UE, 1995-2021

Le discariche stanno migliorando?

Quindi, tornando alla domanda iniziale, stiamo riducendo il numero di discariche o la situazione sta peggiorando?

La situazione delle discariche sta migliorando... A seconda di dove ci si trova nel mondo. L'UE, ad esempio, si è impegnata a ridurre i rifiuti inviati in discarica e finora ha avuto successo. La quantità totale di rifiuti inviati in discarica è diminuita di 27,5% da 79 milioni di tonnellate a 54 milioni di tonnellate tra il 2010 e il 2020.

Detto questo, alcuni Paesi europei stanno facendo meglio di altri. Il Direttiva UE sulle discariche richiede ai Paesi di ridurre i rifiuti in discarica a 10% o meno del totale dei rifiuti urbani entro il 2035. Nel 2020, 9 Stati membri e 2 Paesi terzi hanno raggiunto questo livello (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Slovenia, Svezia e Svizzera). Molti di questi Paesi inceneriscono una quantità considerevole di rifiuti, il che deve essere preso in considerazione.

L'infografica mostra la quantità di rifiuti urbani generati dai Paesi dell'UE e la percentuale di rifiuti riciclati in ciascuno di essi.
Infografica sugli obiettivi e le statistiche dell'UE in materia di rifiuti urbani per Stato membro. Fonte: Commissione europea

Il piano europeo per l'inquinamento zero: In corso

In altre parti del mondo, come gli Stati Uniti, la gestione dei rifiuti non va altrettanto bene. Una delle differenze principali è che l'UE incentiva le aziende produttrici di imballaggi ad assicurarsi che i loro prodotti siano riciclabili, altrimenti dovranno pagare per lo smaltimento. Negli Stati Uniti, invece, è il contribuente a pagare, quindi c'è meno incentivo a inserire il riciclaggio nel design dell'imballaggio.

Gli Stati Uniti mettono in discarica 49% dei loro rifiuti (ricordiamo che nel 2019 hanno prodotto 12% dei rifiuti urbani del mondo!). Il riciclaggio e il compostaggio insieme rappresentano meno di 35%. Mentre il riciclaggio e il compostaggio sono aumentati costantemente, è aumentata anche la quantità di rifiuti smaltiti in discarica. Gli Stati Uniti hanno sicuramente margini di miglioramento.

Il grafico mostra la gestione dei rifiuti solidi urbani negli Stati Uniti tra il 1960 e il 2018.
Fonte: EPA

Come si può vedere dalla tabella sottostante. Gli Stati Uniti sono abbastanza bravi nel riciclaggio e nel compostaggio di carta, scarti di giardino e batterie al piombo. Il Paese deve assolutamente lavorare per migliorare i suoi programmi di riciclaggio del vetro e della plastica.

La tabella mostra i dati relativi alle tendenze del riciclo e del compostaggio negli Stati Uniti tra il 1960 e il 2018.
La tabella mostra i dati sulle tendenze del riciclo e del compostaggio negli Stati Uniti tra il 1960 e il 2018. Crediti: EPA

Perché le discariche sono un problema?

I rifiuti contengono molte materie prime che possono essere riciclate e riutilizzate. A parte questo, Le discariche gestite male possono avere impatti negativi sull'ambiente e sulla salute umana. Molti esperti hanno riferito che le comunità che vivono nei pressi di una discarica mal gestita hanno un rischio maggiore di problemi di salute. Il liquido che fuoriesce da una discarica (percolato) può anche contaminare il suolo e l'acqua nelle vicinanze.

L'inquinamento atmosferico è un altro dei principali problemi associati alle discariche. Ogni giorno, le discariche producono milioni di metri cubi di gas metano, un risultato naturale e invisibile della decomposizione della materia organica. Le discariche sono sistemi sofisticati e di solito cercano di limitare la quantità di gas rilasciata, ma questo può essere difficile da fare quando sono ancora in fase di riempimento.

Negli Stati Uniti, le discariche sono la terza fonte di emissioni di metano legate all'uomo. L'UE non è lontana, con un quarto delle emissioni di metano provenienti dalle discariche nel 2022. Tuttavia, l'UE prevede di ridurlo di 37% entro il 2030, nell'ambito del cosiddetto Piano d'azione dell'UE per il metano.

La produzione di gas di discarica in genere Dopo sette anni, le discariche possono continuare a produrre gas per più di 50 anni. Non parleremo del ciclo di vita di una discaricama è piuttosto interessante.

Circa la metà del gas di discarica è metano e l'altra metà è anidride carbonica (CO2). Mentre i ricercatori si sono a lungo concentrati sull'impatto delle emissioni di CO2 sul cambiamento climatico, sta crescendo la consapevolezza dell'impatto del metano.

Guida all'inquinamento atmosferico

L'impatto delle emissioni di gas di discarica

Idealmente, le discariche vorrebbero catturare il metano per utilizzarlo a fini energetici. I problemi sorgono se il metano fuoriesce nell'aria prima che ciò possa avvenire. Può essere difficile catturare il metano se ogni giorno si aggiungono altri rifiuti alla discarica.

Il metano, come la CO2, è un gas a effetto serra. I gas serra riscaldano l'atmosfera intrappolando l'energia solare. Il gas metano rimane nell'atmosfera per circa 12 anni, rispetto alla durata di vita della CO2 di oltre 100 anni.

Tuttavia, se si confrontano i gas su un periodo di 20 anni, il metano intrappola 86 volte più radiazioni, per tutto il tempo. Il metano è uno dei principali responsabili a breve termine del cambiamento climatico. Nel 2020 si è registrato il più grande aumento delle concentrazioni atmosferiche di metano da quando sono iniziate le registrazioni nel 1983.

Concentrarsi sulla riduzione del metano può avere un impatto significativo e rapido su cambiamento climatico.

Soluzioni per il futuro

Prima di esaminare ciò che i singoli possono fare per aiutare. Esistono numerose strategie e azioni che le comunità, le organizzazioni e i governi possono intraprendere per ridurre la quantità di rifiuti destinati alle discariche, mitigare gli effetti delle emissioni di gas di discarica e promuovere un'economia circolare.

1. Iniziative di riduzione e diversione dei rifiuti

  • Responsabilità estesa del produttore (EPR): Questo approccio politico rende i produttori responsabili della gestione del fine vita dei loro prodotti. Ciò può incentivare i produttori a progettare prodotti più durevoli, riutilizzabili o riciclabili.
  • Programmi di compostaggio: Istituire programmi di compostaggio di comunità o a bordo strada per sottrarre i rifiuti organici alle discariche.
  • Programmi di riciclaggio: Rafforzare le strutture di riciclaggio e aumentare la raccolta dei rifiuti. Creare programmi di sensibilizzazione per aumentare i tassi di partecipazione.

2. Ricerca e sviluppo

  • Sovvenzioni per l'innovazione: Fornire sovvenzioni a start-up e istituzioni che ricercano soluzioni sostenibili per la gestione dei rifiuti.
  • Ricerca sulla scienza dei materiali: Sostenere la ricerca sullo sviluppo di materiali sostenibili e biodegradabili in alternativa alla plastica.

3. Politiche e regolamenti

  • Incentivi per le imprese verdi: Offrire sgravi fiscali o altri incentivi alle imprese che praticano una gestione dei rifiuti ecologica e sostenibile.

Questo elenco non è assolutamente esaustivo, ma si tratta di modalità che riteniamo possano essere efficaci per affrontare i problemi di gestione dei rifiuti. Questo vale in particolare per l'EPR. Ritengo probabile che l'EPR sia una delle ragioni principali delle differenze tra UE e USA in materia di gestione dei rifiuti.

Cosa posso fare per aiutare?

  • Non acquistate bicchieri per bevande monouso, bottiglie di plastica, cannucce ecc. Utilizzate quelli riutilizzabili. I rifiuti di plastica sono tra i più contaminanti e Le microplastiche sono ovunque.
  • Comprare meno. Meno si compra, meno rifiuti si producono e più si risparmia.
  • Riutilizzare e riparare. La linguetta della scarpa è caduta? Prendete in considerazione l'idea di reincollarla.
  • Comprare e vendere oggetti nei mercati dell'usato.
  • I prodotti naturali per la pulizia, come l'aceto e il bicarbonato di sodio, sono molto più efficaci per l'ambiente.
  • Riciclare e separare i materiali di scarto.
  • Compost (se possibile).
  • Incoraggiare gli altri a vivere in modo sostenibile.

Conclusione

In conclusione. La gestione delle discariche sta migliorando in molte parti del mondo, come l'UE, ma in altri Paesi c'è ancora margine di miglioramento. I Paesi in via di sviluppo produrranno presto molti più rifiuti e dovranno investire nelle loro infrastrutture per farvi fronte.

Le discariche sono una delle principali fonti di emissioni di metano. Se riusciamo a limitare le emissioni di metano, possiamo fare una differenza significativa sul fronte del cambiamento climatico, nel breve termine. Infine, ci sono molte azioni che tutti noi possiamo intraprendere per migliorare la gestione dei rifiuti.

Riferimenti

  1. Pan di Zucchero
  2. Verde sorgente
  3. Soluzioni per l'inquinamento online
  4. Commissione europea
  5. Europa a rifiuti zero

Ulteriori letture

  1. Sviluppoaid.org
  2. L'Agenzia Spaziale Europea
  3. Banca Mondiale: che spreco
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche