Il piano europeo per l'inquinamento zero: In corso

Ultimo aggiornamento il 25 dicembre 2023 da Vita Ecologica

Sapevate che la Commissione europea ha un piano d'azione? Una visione, se volete, per un continente senza aria, acqua e suolo inquinati entro il 2050. Un piano ambizioso, ma è realizzabile? In questo articolo esploriamo gli obiettivi di questo piano e come raggiungerli se vogliamo che l'Europa viva senza inquinamento in soli 25 anni.

L'impatto della Brexit sull'ambiente

Perché l'inquinamento è un problema?

L'inquinamento è un problema di salute pubblica causato dalle attività umane negli ultimi 100-200 anni. La maggior parte delle malattie fisiche e mentali e dei decessi prematuri nell'UE, soprattutto tra i giovani, gli anziani e le persone con determinate condizioni mediche, sono causati dall'inquinamento.

Poiché l'inquinamento è anche una delle principali cause di perdita di biodiversità, mantenere un ambiente privo di sostanze tossiche è essenziale per proteggere la biodiversità e gli ecosistemi. L'inquinamento riduce la capacità degli ecosistemi di fornire servizi come il sequestro del carbonio e la purificazione dell'aria e dell'acqua.

Nell'UE, l'aria aperta l'inquinamento atmosferico è responsabile per circa 400.000 morti premature (compresi tumori come quello ai polmoni), 48.000 casi di cardiopatia ischemica, 6,5 milioni di casi di disturbi cronici del sonno dovuti al rumore e varie malattie che possono essere collegate sia all'inquinamento acustico che a quello atmosferico.

L'attuale crisi dell'inquinamento atmosferico

Qual è l'obiettivo?

L'obiettivo fissato nel Piano d'azione dell'UE per il 2021: "Verso un inquinamento zero per aria, acqua e suolo" immagina un mondo (o almeno un continente) in cui l'inquinamento sia ridotto al punto da non danneggiare più la salute umana o l'ambiente naturale.

Il piano è ambizioso, ma è corredato da punti d'azione realistici che, se raggiunti, possono trasformare l'Europa nella zona sicura e priva di inquinamento che desidera. Questi obiettivi sono anche in linea con gli obiettivi dell'UE per un futuro sostenibile, un'economia circolare e la lotta contro le emissioni di CO2. cambiamento climatico.

Obiettivi 2030

Per raggiungere gli obiettivi del 2050, è stato fissato un calendario per affrontare i diversi tipi di inquinamento (aria, suolo e acqua) e il 2030 sarà la pietra miliare che mostrerà se l'Europa è sulla buona strada per raggiungere l'inquinamento zero. Gli obiettivi a breve termine per il 2030 sono:

  • Migliorare la qualità del suolo riducendo le perdite di nutrienti e l'uso di pesticidi chimici (da 50%),
  • Ridurre il numero di ecosistemi dell'UE in cui l'inquinamento atmosferico minaccia la biodiversità (entro il 25%),
  • Ridurre la percentuale (30%) di persone cronicamente colpite dall'inquinamento acustico,
  • Ridurre l'impatto sulla salute (morti premature) dell'inquinamento atmosferico di oltre 55%.

La plastica biodegradabile è un mito?

Consigli per evitare le microplastiche

Milioni di microplastiche fuoriescono dai biberon

Grandi quantità di plastica vengono somministrate agli animali da allevamento? Legalmente

Il sangue umano contiene elevati volumi di microplastiche

L'UE è sulla buona strada per raggiungere questi obiettivi?

La Commissione europea ha pubblicato un rapporto sullo stato di avanzamento del Piano Inquinamento Zero nel dicembre 2022 (aggiornamento nel marzo 2023).

I risultati di questo rapporto sono contrastanti. I dati suggeriscono che per alcuni obiettivi l'UE è sulla buona strada per raggiungerli entro il 2030, ma per altri i miglioramenti sono stati minimi.

L'inquinamento da pesticidi, antimicrobici e rifiuti marini è in diminuzione. L'inquinamento acustico, da sostanze nutritive e da rifiuti ha registrato pochi cambiamenti.

Con una riduzione di 45% dei decessi prematuri dal 2005, sono stati compiuti progressi significativi nel ridurre gli effetti negativi dell'inquinamento atmosferico sulla salute. Se la tendenza recente continuerà, l'UE sarà sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo di una riduzione di 55% dei decessi prematuri dovuti all'inquinamento atmosferico. Leggete il nostro articolo per saperne di più sul miglioramento della qualità dell'aria.

L'analisi preliminare mostra che i rifiuti di plastica negli oceani sono meno numerosi rispetto al passato. Questo è positivo, ma sono necessari dati completi e coerenti in tutta l'UE per capire se l'UE è sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo di ridurre i rifiuti di plastica di 50% e i rifiuti di microplastica di 30% entro il 2030.

Tra il 2010 e il 2018 si è registrato un graduale aumento della quantità totale di rifiuti prodotti, seguito da una drastica diminuzione nel 2020 a causa della pandemia.

Dal 2016, la produzione di rifiuti urbani residui (rifiuti che non vengono riciclati o riutilizzati) è rimasta stabile.

L'UE non raggiungerà gli obiettivi di ridurre drasticamente la produzione totale di rifiuti e di ridurre i rifiuti urbani residui di 50% se non ridurrà significativamente la produzione di rifiuti nei prossimi anni.

In conclusione, per il 2030 l'UE può raggiungere la maggior parte degli obiettivi se si compiono ulteriori sforzi.

Tuttavia, i livelli di inquinamento sono ancora troppo elevati, con oltre 10% dei decessi prematuri annuali nell'UE ancora attribuibili all'inquinamento ambientale.

Ciò è dovuto principalmente all'inquinamento atmosferico, anche se il ruolo del rumore e dell'esposizione chimica è probabilmente sottostimato. I tassi di mortalità prematura variano da 5-6% nell'Europa settentrionale a 12-24% nell'Europa meridionale e orientale.

Il rapporto della Commissione sollecita un rapido consenso e l'adozione di raccomandazioni legislative per ridurre l'inquinamento pericoloso, nonché una migliore attuazione delle misure attuali a livello locale, nazionale e internazionale, per renderle efficaci.

In particolare, conclude che i benefici delle misure per l'aria pulita superano i costi e porteranno a un aumento del PIL complessivo. Se l'UE attuerà tutte le misure raccomandate dalla Commissione, il numero di morti premature causate dall'inquinamento atmosferico potrebbe essere ridotto fino a 66% nel 2030 rispetto ai livelli del 2005.

Il costo economico dell'inquinamento atmosferico

Ancora una volta le prove presentate oggi ci dimostrano che i benefici di un intervento a favore di aria, acqua e suolo puliti sono di gran lunga superiori all'investimento. Questo è anche ciò che vogliono i cittadini, che in più di 80% sono preoccupati per i problemi di salute e ambientali causati dall'inquinamento.

Vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, Frans Timmermans

Il rapporto sottolinea inoltre l'importanza di promuovere iniziative internazionali e di sostenere i Paesi del terzo mondo nei loro sforzi per combattere l'inquinamento.

La sostenibilità è il futuro e rapporti come questo dimostrano che esistono opportunità di investimento e di business sostenibili nel settore.

Se volete prendere una posizione personale nella lotta contro l'inquinamento, potete iniziare con ridurre l'impronta di carbonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche