Una foto che mostra l'inquinamento atmosferico

Guida alla crisi dell'inquinamento atmosferico

Ultimo aggiornamento il 25 dicembre 2023 da Vita Ecologica

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il 99% della popolazione mondiale respira aria con alti livelli di inquinanti. Le esposizioni peggiori si registrano nei Paesi a basso e medio reddito. Tuttavia, i livelli di inquinamento nei Paesi ad alto reddito superano ancora le linee guida. Purtroppo, la guerra in Ucraina ha portato a un aumento dell'inquinamento atmosferico nella regione.

L'Agenzia europea dell'ambiente ha dichiarato che, nonostante il calo dei decessi dovuti all'inquinamento atmosferico negli ultimi anni, è ancora il principale rischio ambientale per la salute in Europa.

Naturalmente, noi di Ecologica.life crediamo che questo sia un livello di inquinamento inaccettabile per noi e per tutta la vita che ci circonda, e speriamo che anche voi la pensiate così.

Parleremo dell'attuale crisi dell'inquinamento atmosferico, dei suoi effetti e di ciò che possiamo fare per migliorare la situazione.

Che cos'è l'inquinamento atmosferico?

L'inquinamento atmosferico è la contaminazione dell'ambiente interno o esterno da parte di qualsiasi agente chimico, fisico o biologico che modifica le caratteristiche naturali dell'atmosfera.

Organizzazione Mondiale della Sanità

Esistono due tipi di inquinamento atmosferico: quello domestico (interno) e quello ambientale (esterno).

La maggior parte dell'inquinamento dell'aria interna proviene da fonti che emettono gas o particelle. I deodoranti per ambienti e i materiali da costruzione, il fumo di tabacco di seconda mano e le sostanze nocive. stufe a legna rilasciare sostanze inquinanti.

Alcuni inquinanti dell'aria interna sono presenti da molto tempo. Tuttavia, spesso sono stati indeboliti dalle infiltrazioni di aria esterna nelle abitazioni. Le case odierne, più efficienti dal punto di vista energetico, non lasciano entrare tanta aria esterna.

Come si misura l'inquinamento atmosferico?

I diversi Paesi misurano la qualità dell'aria in modi diversi. Gli Stati Uniti utilizzano l'indice di qualità dell'aria (AQI), mentre l'Europa utilizza l'indice europeo di qualità dell'aria.

Tabella che mostra l'indice di qualità dell'aria (AQI)
Indice di qualità dell'aria (AQI) Fonte: Airnow.gov

Entrambi gli indici rilevano all'incirca gli stessi inquinanti, con la principale differenza della scala utilizzata: l'AQI arriva fino a 500, mentre l'Indice europeo di qualità dell'aria può superare i 1000. Questi indici di qualità dell'aria misurano la concentrazione di inquinanti chiave quali:

Ozono a livello del suolo

Probabilmente avete sentito parlare del gas noto come ozono, che si trova nell'alta atmosfera terrestre. Lo strato di ozono è benefico perché protegge le persone dai raggi solari pericolosi.

Tuttavia, l'ozono troposferico è dannoso per la salute umana. Può danneggiare il sistema nervoso centrale, causare problemi respiratori e cardiovascolari e può avere effetti negativi sulla riproduzione e sullo sviluppo. Nel 2020, 24.000 persone nell'UE sono morti prematuramente a causa dell'esposizione all'ozono.

L'ozono troposferico si forma quando alcune emissioni chimiche (come il biossido di azoto, il monossido di carbonio e il metano) interagiscono in presenza della luce solare. Queste sostanze chimiche si trovano, tra l'altro, negli impianti industriali, negli scarichi dei veicoli e nei fumi della benzina. L'inquinamento da ozono è più probabile nei mesi più caldi.

Monossido di carbonio

Questo gas è prodotto dalla combustione incompleta del gas naturale o di altri materiali carboniosi. Tra questi vi sono le emissioni delle fabbriche, gli incendi, i sistemi di riscaldamento malfunzionanti e i fumi di scarico.

Anidride solforosa

È un gas incolore dall'odore pungente e irritante. Viene prodotto dalla fusione di minerali contenenti zolfo e dalla combustione di combustibili fossili. Le eruzioni vulcaniche possono essere una fonte naturale significativa di emissioni di anidride solforosa.

Biossido di azoto

La combustione di combustibili fossili (carbone, gas e petrolio), soprattutto nelle automobili, è la principale fonte di biossido di azoto proveniente dalle attività umane. Nel 2020, l'inquinamento da biossido di azoto ha portato a 49.000 date premature nell'UE.

Particelle sospese nell'aria o aerosol

Diagramma che mostra le dimensioni del particolato 2,5 e 10 rispetto a un capello umano e alla sabbia fine della spiaggia.
Qui si può vedere quanto siano piccole le PM2,5 e le PM10.

Le particelle trasportate dall'aria si dividono solitamente in due tipi: Particelle di diametro inferiore a 2,5 micrometri (PM2.5) e le particelle più piccole di 10 micrometri (PM10). Si stima che nel 2020 almeno 238.000 persone morti prematuramente nell'UE a causa del PM2.5 esposizione.

Cantieri, ciminiere, scarichi di automobili, incendi boschivi, vulcani, tempeste di sabbia e molti altri luoghi rilasciano queste particelle nell'aria. Queste particelle possono anche essere create da reazioni chimiche nell'atmosfera.

Per saperne di più su questi inquinanti e su come influiscono sull'organismo, è possibile leggere il documento Opuscolo AQI.

Cause dell'inquinamento atmosferico esterno.

L'inquinamento ambientale ha diverse fonti ed è specifico per ogni contesto. I veicoli, la produzione di energia elettrica, l'agricoltura e la combustione dei rifiuti, l'industria e l'energia residenziale per cucinare e riscaldare sono le principali fonti di inquinamento dell'aria esterna.

I Paesi a basso e medio reddito hanno meno politiche sull'inquinamento atmosferico, e questo è uno dei motivi per cui hanno indici di inquinamento atmosferico peggiori rispetto ai Paesi a reddito più elevato.

Per i paesi a più alto reddito, ad esempio in EuropaLa principale fonte di particolato (40-60%) rilasciata nel 2020 è stata il riscaldamento degli edifici con combustibili solidi. L'agricoltura è stata responsabile della quasi totalità (94%) delle emissioni di ammoniaca e di 56% di quelle di metano. Il trasporto su strada, l'agricoltura e l'industria sono state le principali fonti di ossidi di azoto.

Effetti dell'inquinamento atmosferico

Salute umana

L'OMS stima che l'inquinamento dell'aria esterna e interna sia responsabile di 7 milioni di morti premature all'anno in tutto il mondo. Si stima che l'inquinamento dell'aria ambiente abbia causato 4,2 milioni di morti premature nel mondo nel 2016. Ciò è dovuto principalmente alla combustione di combustibili solidi (legno, sterco animale, carbone di legna, ecc.) in stufe inefficienti e altamente inquinanti, che portano allo sviluppo di malattie respiratorie e cardiovascolari, nonché al cancro.

È stato dimostrato che il particolato (particelle sospese nell'aria) causa una serie di problemi di salute. È stato riscontrato a livelli inaccettabili sia nelle aree urbane che in quelle rurali di tutto il mondo.

È stato dimostrato che il particolato aumenta la rischio di ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e malattie respiratorie acute e croniche.

L'inquinamento atmosferico esterno colpisce in modo sproporzionato le persone che vivono nei Paesi a basso e medio reddito. Dei 4,2 milioni di morti premature nel 2016, 91% si è verificato nei Paesi a basso e medio reddito, con le regioni del Sud-Est asiatico e del Pacifico occidentale che hanno sostenuto l'onere maggiore.

Oltre a causare decessi prematuri e cattive condizioni di salute, l'inquinamento atmosferico ha un'incidenza significativa sulla salute dei cittadini. impatto finanziario sul settore sanitario.

Ad esempio, in 30 paesi europei, l'esposizione al PM2.5 è stato associato a 175.702 anni vissuti con disabilità (YLD) a causa della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) nel 2019.

L'ambiente

Il clima e gli ecosistemi globali sono strettamente legati alla qualità dell'aria. Molti dei fattori che contribuiscono all'inquinamento atmosferico, come la combustione di combustibili fossili, sono anche fonti di emissione di gas serra (come anidride carbonica, protossido di azoto e metano).

Le politiche per ridurre al minimo l'inquinamento atmosferico sono quindi una strategia vincente sia per l'ambiente che per la salute, in quanto contribuiscono a cambiamento climatico mitigazione a breve e a lungo termine, riducendo al contempo il carico di malattia causato dagli inquinanti atmosferici.

L'inquinamento atmosferico può innescare diversi problemi ambientali a valle:

  • Piogge acide -piogge talmente acide da causare danni ambientali, in particolare a foreste e laghi.
  • Eutrofizzazione - un processo che provoca una crescita eccessiva di alghe e piante nei laghi, con conseguente morte dei pesci e della fauna locale.
  • Nebbia - dove polvere, fumo e altre particelle secche riducono la visibilità e la chiarezza dell'aria.
  • Danni agli ecosistemi - L'esposizione agli inquinanti atmosferici può avvelenare la fauna selvatica attraverso l'alterazione della funzione endocrina, il danneggiamento degli organi, l'aumento della suscettibilità alle malattie, la riduzione del successo riproduttivo e la morte. Secondo Analisi SEE, 59% di aree forestali nell'UE sono state esposte a livelli pericolosi di ozono a livello del suolo nel 2020.
  • Impoverimento dell'ozono stratosferico - Il impoverimento dell'ozono nell'alta atmosfera può portare a un aumento dei livelli di radiazioni ultraviolette a livello del suolo. Ciò può aumentare il rischio di cancro, indebolire il sistema immunitario e influire sugli ecosistemi e sulla produttività agricola.
  • Danni alle colture e alle foreste - È stato riferito che l'inquinamento atmosferico dimezza grano e riso rese. Nel 2019, 35 Paesi europei hanno subito perdite economiche per 1,4 miliardi di euro a causa dell'impatto dell'ozono troposferico sulla resa del grano, con Francia, Germania, Polonia e Turchia che hanno subito le perdite maggiori.

Come ridurre l'inquinamento atmosferico?

Cucinare con fuochi aperti o stufe inefficienti utilizzando kerosene, biomassa (legno, sterco animale e scarti delle coltivazioni) o carbone è uno dei principali fattori di inquinamento indoor. Si stima che 2,4 miliardi di persone (circa un terzo della popolazione mondiale) cucinino con questi metodi.

L'OMS offre una guida su quelle che sono considerate le migliori pratiche per la combustione domestica dei combustibili. L'OMS sottolinea l'importanza di non utilizzare carbone e cherosene non trasformati come combustibili domestici.

Per migliorare la qualità dell'aria interna, ventilate adeguatamente la casa e aprite più finestre nei giorni di bel tempo. Se possibile, non utilizzare stufe e caminetti a legna. Fumare all'aperto invece che al chiuso riduce anche l'esposizione al fumo passivo per i fumatori e i loro familiari, riducendo il rischio di malattie polmonari.

L'inquinamento esterno è più difficile da controllare per i singoli individui. Nel breve termine, possiamo fare cose come utilizzare mezzi di trasporto che producono meno inquinamento atmosferico. Ma un vero cambiamento può avvenire solo grazie agli sforzi coordinati dei responsabili politici a livello locale, nazionale e regionale, le cui politiche possono interessare settori come l'agricoltura, la pianificazione urbana, la gestione dei rifiuti, l'energia e i trasporti.

Il primo passo per migliorare la qualità dell'aria esterna è quello di misurarla. L'Europa e il Nord America sono molto bravi in questo, ma i governi di Africa, Asia centrale e America Latina devono migliorare la misurazione della qualità dell'aria.

I monitor della qualità dell'aria a basso costo sono relativamente facile da distribuire e i governi di queste aree dovrebbero adottare una legislazione che renda il monitoraggio un requisito legale e investire nelle infrastrutture esistenti per farlo.

Se volete ridurre l'inquinamento atmosferico nella vostra zona, potete provare a partecipare attivamente alla legislazione locale. Inoltre, potete cercare di ridurre l'impronta di carbonio.

Cosa si fa in Europa?

L'UE sta dando l'esempio nell'affrontare le cause dell'inquinamento atmosferico. Nell'UE, il numero di decessi prematuri dovuti al PM2.5 esposizione caduto da 45% tra il 2005 e il 2020.

La Commissione europea ha proposto una revisione della direttiva sulla qualità dell'aria ambiente nell'ottobre 2022, che prevede soglie di inquinamento più severe, un diritto all'aria pulita migliorato (eventualmente con disposizioni che consentano ai cittadini di chiedere un risarcimento per i danni alla salute causati dall'inquinamento atmosferico), norme di monitoraggio della qualità dell'aria più severe e una migliore informazione del pubblico.

Se le tendenze attuali si confermano, si prevede che l'UE soddisferà i requisiti di Piano d'azione per l'inquinamento zero obiettivo di una riduzione del 55-66% dei decessi prematuri dovuti all'inquinamento atmosferico entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005, con conseguente crescita complessiva del PIL, con i benefici delle politiche per l'aria pulita che superano i costi.

Tuttavia, saranno necessari ulteriori sforzi per raggiungere la visione dell'inquinamento zero per il 2050, che prevede la riduzione dell'inquinamento atmosferico a livelli non più considerati dannosi per la salute umana.

Esempi di politiche di successo si possono trovare sul sito Sito web dell'OMS. Assicuratevi quindi di fare pressione sui vostri politici locali affinché approvino leggi che mettano al primo posto la qualità dell'aria e l'ambiente.

Come controllare l'inquinamento atmosferico nella vostra zona

Esistono diversi siti web in cui è possibile verificare la qualità dell'aria nella propria zona. L'indice mondiale di qualità dell'aria fornisce informazioni in tempo reale sulla qualità dell'aria in tutto il mondo. In alternativa, è possibile accedere al sito Indice europeo di qualità dell'aria.

Nella mia zona c'è molto inquinamento atmosferico, cosa devo fare?

Se l'aria nella vostra zona ha un punteggio basso nell'indice AQI, cercate di passare meno tempo all'aperto. Se si esce, cercare di ridurre esercizio prolungato (esercizio leggero o moderato per diverse ore) e esercizio pesante (esercizio che fa respirare a fatica). È possibile sostituire la camminata con il jogging, ad esempio.

In caso di tosse insolita, fastidio al petto, respiro affannoso o stanchezza insolita, è necessario ridurre il livello di attività.

Chi è più a rischio?

  • Persone affette da malattie polmonari, come asma, bronchite cronica ed enfisema.
  • Figli.
  • Anziani.
  • Persone con malattie cardiache.

Cosa ne pensate di questo articolo? Avete idee su altri argomenti che dovremmo trattare? Lasciateci un suggerimentoApprezziamo tutti i feedback che riceviamo!

Potrebbe piacerti anche