Cosa fanno le vespe per l'ambiente?

Ultimo aggiornamento il 17 maggio 2024 da Vita Ecologica

L'estate porta con sé sole, barbecue e, purtroppo, vespe. Ma prima di scacciarle, considerate che le vespe possono essere alcuni degli eroi non celebrati della natura.

Se eliminassimo le vespe, il mondo se ne accorgerebbe? Le vespe fanno qualcosa per l'ambiente? Gli scienziati dicono di sì, e si scopre che le vespe sono più interessanti di quanto la maggior parte di noi pensi.

Continuate a leggere per saperne di più sull'interessante e complessa vita delle vespe e sul perché le vespe sono utili.

Introduzione

È estate, siete a un barbecue o al parco, quando improvvisamente sentite un forte ronzio. È una vespa che non vuole lasciare in pace voi o il vostro cibo/picnic, ora ce ne sono alcune. Piccole e fastidiose vespe.

Ma non sono solo fastidiose, se si è abbastanza fortunati possono anche pungere, un'esperienza generalmente non piacevole. Il dolore, il ronzio e gli attacchi al nostro cibo fanno sì che le vespe siano, senza sorpresa, uno degli animali meno amati dalle persone.

Le api, invece, hanno una buona reputazione. Le persone si preoccupano delle api. Tanto che in tutto il mondo esistono movimenti per la protezione delle popolazioni di api. Gli apicoltori statunitensi hanno dichiarato di aver stabilizzato la popolazione di api da miele nel 2023.

I bombi non superano il test della visione a colori a causa di un comune pesticida.

Nonostante il fastidio, le vespe conducono una vita affascinante e sono anche molto importanti per l'ambiente. Le vespe si trovano ad affrontare problemi simili a quelli delle api ed è quindi importante che ci soffermiamo a capirle un po' meglio prima di liquidarle ignorantemente come parassiti estivi.

Senza di loro non staremmo certo meglio.

Cosa fanno le vespe?

Le specie che vivono in colonie e costruiscono nidi rappresentano solo una piccola parte della diversità totale delle vespe. Solo nel Regno Unito ci sono più di 9.000 specie di vespe. La maggior parte delle vespe non sono vespe sociali, ma creature solitarie (chiamate anche vespe cacciatrici). Alcune sono così piccole da essere quasi microscopiche. È improbabile imbattersi in vespe solitarie e sono ampiamente trascurate. Le vespe solitarie possono essere nere e gialle, ma anche nere e arancioni, nere iridescenti (lucide) o viola.

L'immagine mostra un esempio di vespa solitaria. Si tratta di una vespa Potter che sta costruendo il suo nido di fango.
La vespa Potter è un tipo di vespa solitaria. Questa sta completando il suo nido di fango. Crediti: Ian Alexander/Wikimedia

Gli insetti che tutti chiamiamo "vespe" sono in realtà un sottogruppo di vespe note come vespe sociali (o yellowjackets). Queste vespe sociali formano colonie composte da centinaia di migliaia di operaie, per lo più sterili (con qualche maschio fertile), e dalla loro madre più grande, la regina che depone le uova.

L'immagine mostra Vespula Germanica, un esempio di vespa sociale.
Una vespa sociale, Vespula Germanica. Crediti: Richard Bartz/Wikimedia.

La regina rilascia un feromone che blocca lo sviluppo riproduttivo delle operaie. Quando la regina muore, le operaie iniziano a sviluppare le ovaie entro un paio di settimane e possono deporre le uova. Tuttavia, le vespe che si schiudono da queste uova sono sempre maschi. Questo è il modo in cui la natura garantisce che, anche se la regina muore presto, il suo DNA possa essere trasmesso.

I nidi di vespe sociali sono realizzati con fibre di legno raccolte e mescolate con acqua da solerti vespe operaie. In questo modo si crea una sorta di cartapesta che forma strutture forti e resistenti. La costruzione del nido inizia in tarda primavera, quando la regina emerge dal letargo. La regina inizia a costruire un piccolo nido con alcune celle di carta. Deve creare da sola la prima serie di operaie. Una volta che queste prime operaie maturano, si occupano dei vari compiti necessari per sostenere la colonia in crescita.

L'immagine mostra le vespe sociali che costruiscono un nido di carta.
Vespe sociali che costruiscono un nido di carta. Crediti: Kathy Jones/Wikimedia.

Le vespe operaie si occupano instancabilmente delle loro sorelle, svolgendo compiti come la costruzione del nido, la difesa, la raccolta del cibo e la cura della regina. Sorprendentemente, la colonia è in grado di organizzarsi in modo efficiente, in modo che ogni operaia sappia dove trovarsi.

Man mano che la colonia cresce, le operaie si nutrono di alcune giovani larve a un ritmo molto più elevato, innescando cambiamenti genetici che sviluppano potenziali regine (ginie) al posto delle operaie. Un nido di vespe medio produce tra le 1000 e le 2000 regine a stagione. Dopo essersi accoppiate con maschi di altre colonie, le regine possono rimanere nel nido durante l'inverno e dare vita a una nuova colonia la primavera successiva.

I maschi di vespa (fuchi), che non partecipano alle attività della colonia, si sviluppano da uova non fecondate attraverso un processo chiamato aplodiploidia, presente anche nelle api e nelle formiche. I fuchi rimangono nel nido finché le regine non li costringono a uscire. Da quel momento in poi, restano lontani dal nido. Si nutrono e aspettano il momento giusto per trovare una femmina con cui accoppiarsi.

Pensate quello che volete, ma la vita sociale di queste vespe non è noiosa. Le vespe, tuttavia, non producono miele. A cosa servono quindi le vespe? Qual è la funzione delle vespe?

Il ruolo delle vespe nell'ambiente

Qual è lo scopo delle vespe? Le vespe sono impollinatori? A cosa servono le vespe nell'ambiente? Le vespe hanno due ruoli chiave nell'ambiente: Il controllo dei parassiti e l'impollinazione.

In primo luogo, le vespe svolgono un importante ruolo ecologico controllando il numero di parassiti come mosche verdi e bruchi. È stato stimato che solo nel Regno Unito le vespe sociali sono responsabili di 14 milioni di chilogrammi di insetti predati durante l'estate.1 Per mettere questo dato in prospettiva, si tratta all'incirca del peso di 112 autobus a due piani! Immaginate un mondo con molti più parassiti nelle colture e nei giardini senza questi industriosi cacciatori.

Oltre a essere feroci predatori, le vespe sono sempre più riconosciute come preziosi impollinatori, che trasferiscono il polline quando visitano i fiori per bere il nettare. La loro attrazione per i liquidi dolci spiega perché diventano particolarmente fastidiose alla fine dell'estate.

A fine agosto i nidi di vespe sono pieni di operaie, ma non allevano più larve. Quando i nidi hanno le larve, le operaie hanno bisogno di raccogliere proteine. Per questo motivo vanno a caccia di invertebrati nei nostri giardini. Una volta nutrite, le larve convertono questo cibo ricco di proteine in carboidrati, che secernono in gocce zuccherine che alimentano le vespe operaie.

Una volta eliminate le larve, le vespe adulte devono trovare fonti alternative di zucchero. Normalmente cercano il nettare, ma naturalmente sono attratte dai nostri cibi e bevande zuccherate. Questo fa sì che gli incontri casuali con loro siano particolarmente frequenti alla fine dell'estate, quando mangiamo all'aperto e ci godiamo il tempo.

I ricercatori dell'UCL e dell'Università dell'East Anglia hanno recentemente trovato prove della visita di vespe a 960 specie di piante.2 Tra queste 164 specie che dipendono completamente dalle vespe per l'impollinazione. Alcune orchidee imitano addirittura l'aspetto delle vespe femmine per attirare le vespe per l'impollinazione. I ricercatori suggeriscono che, poiché molte vespe visitano una vasta gamma di piante, potrebbero fungere da impollinatori di riserva per le piante che hanno perso i loro impollinatori locali principali.

Vale la pena ricordare che le Agaonidae, comunemente note come vespe del fico, sono gli unici impollinatori di quasi 1000 specie di fichi. Ciò le rende essenziali per la sopravvivenza di queste piante. A loro volta, le vespe dei fichi dipendono interamente dagli alberi di fico per la loro stessa sopravvivenza. Si crea così un rapporto completamente mutualistico in cui entrambe le specie traggono vantaggio dalla loro stretta co-evoluzione.

Come ulteriore ruolo secondario, le vespe sono anche prede di alcune specie in particolare. Mentre la maggior parte delle specie si tiene alla larga dalle vespe a causa del loro pungiglione, i gruccioni (della famiglia degli uccelli Meropidae) sono specializzati nel mangiare insetti pungenti. Rimuovono il veleno dal pungiglione sfregando ripetutamente la preda contro un oggetto duro, come un ramoscello. Altri predatori sono il falco pecchiaiolo e il roadrunner.

In medicina

Oltre al loro ruolo ecologico, le vespe hanno un potenziale medico. Il veleno delle vespe sia solitarie che sociali contiene antibiotici che preservano le loro prede mantenendole libere da malattie. Inoltre, le larve delle vespe sociali producono secrezioni ricche di antimicrobici che le vespe operaie applicano sul proprio corpo, sulla prole e sui nidi.

Questi antimicrobici sono promettenti per combattere gli agenti patogeni umani. Un patogeno di particolare rilievo è Mycobaterium abscessus, un patogeno umano sempre più importante a causa della sua resistenza a diversi farmaci antimicrobici. Uno studio del 2016, unico nel suo genere, ha dimostrato che un peptide noto come polydim-I dal veleno di vespa induce la rottura della parete cellulare batterica senza avere effetti tossici sulle cellule dei mammiferi.3 I ricercatori hanno anche trattato topi infettati con questo batterio e hanno indotto una riduzione da 0,8 a 1 log della carica batterica nei polmoni, nella milza e nel fegato.

Anche i nidi delle vespe sociali, come quelli del Polistes specie, sono state riscontrate proprietà antibiotiche, efficaci contro batteri quali Stretococcus mutans, che è associato alla carie, nonché Actinomyces e Lactobacillus.4 È interessante notare che questi nidi (Nidus Vespae) sono considerati una forma di medicina tradizionale cinese per il mal di denti attraverso lo spazzolamento dei denti.5 Viene utilizzato anche per trattare diverse malattie, tra cui quelle cardiovascolari, dell'apparato digerente e dell'apparato urinario.

In un interessante studio del 2020, un peptide derivato dal veleno di vespa è stato convertito in un potente antimicrobico in grado di risolvere infezioni altrimenti letali nei topi.6 Il peptide ha preso di mira la membrana batterica, modulando al contempo la risposta immunitaria dell'ospite e smorzando l'infiammazione indesiderata. Le molecole derivate dal veleno potrebbero essere una nuova ed entusiasmante fonte di antibiotici, di cui c'è grande bisogno.

Infine, una delle prospettive mediche più intriganti è l'uso del mastoparan, un composto presente nel veleno delle vespe sociali.7 Questa famiglia di peptidi colpisce selettivamente le cellule tumorali rispetto a quelle sane. Tuttavia, la sua applicazione pratica nel trattamento del cancro è ancora nelle prime fasi della ricerca.

La natura è intelligente e dovremmo guardare di più a lei per trovare risposte. Alcune delle nostre migliori medicine fino ad oggi provengono dalla natura.

Sintesi

Le vespe conducono una vita complessa e interessante. La maggior parte di esse sono creature solitarie, mentre le poche che interagiscono con noi tendono a essere di tipo sociale. Le vespe svolgono un ruolo ecologico fondamentale nella predazione e nell'impollinazione dell'ambiente. Quando non riescono a ottenere zuccheri dalle loro larve, vanno alla ricerca di nettare e alimenti zuccherini. Questo spiega perché gli incontri con le vespe aumentano alla fine dell'estate. Infine, lo studio delle nostre piccole amiche ronzanti (un po' aggressive) ha rivelato che il loro veleno e persino i loro nidi potrebbero avere applicazioni mediche.

Capire le vespe è un passo avanti per apprezzarne l'importanza. Potrebbero ancora non piacervi, e va bene, ma speriamo che la prossima volta che vedrete una giacca gialla la considererete qualcosa di più di un semplice parassita.

Fateci sapere se siamo riusciti a farvi cambiare idea sulle vespe nei commenti! E non dimenticate di condividere questo articolo con i vostri amici che odiano le vespe.

Riferimenti

  1. Qual è il vero scopo delle vespe? - BBC.
  2. Brock, R.E., Cini, A. e Sumner, S. (2021), Servizi ecosistemici forniti dalle vespe aculeate. Biol Rev, 96: 1645-1675. https://doi.org/10.1111/brv.12719.
  3. Das Neves RC, Trentini MM, de Castro e Silva J, Simon KS, Bocca AL, Silva LP, et al. (2016) Antimycobacterial Activity of a New Peptide Polydim-I Isolated from Neotropical Social Wasp Polybia dimorpha. PLoS ONE 11(3): e0149729. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0149729.
  4. Xiaoxu Guan, Yi Zhou, Xue Liang, Jin Xiao, Libang He, Jiyao Li, Effects of compounds found in Nidus Vespae on the growth and cariogenic virulence factors of Streptococcus mutans, Microbiological Research, Volume 167, Issue 2, 2012, Pages 61-68, ISSN 0944-5013, https://doi.org/10.1016/j.micres.2011.03.002.
  5. Jin Xiao, Yuan Liu, Yu Ling Zuo, Ji Yao Li, Ling Ye, Xue Dong Zhou, Effetti dell'estratto di Nidus Vespae e delle frazioni chimiche sulla crescita e sull'acidogenicità dei microrganismi orali, Archives of Oral Biology, Volume 51, Numero 9, 2006, Pagine 804-813, ISSN 0003-9969, https://doi.org/10.1016/j.archoralbio.2006.03.014.
  6. Silva, O.N. e altri. (2020) "Repurposing a peptide toxin from Wasp Venom into antiinfectives with dual antimicrobial and immunomodulatory properties", Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze, 117(43), pp. 26936?26945. doi:10.1073/pnas.2012379117.
  7. Natália Bueno Leite, Anders Aufderhorst-Roberts, Mario Sergio Palma, Simon D. Connell, João Ruggiero Neto, Paul A. Beales, PE and PS Lipids Synergistically Enhance Membrane Poration by a Peptide with Anticancer Properties, Biophysical Journal, Volume 109, Issue 5, 2015, Pages 936-947, ISSN 0006-3495, https://doi.org/10.1016/j.bpj.2015.07.033.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche