Il costo economico dell'inquinamento atmosferico

Ultimo aggiornamento il 9 gennaio 2024 da Vita Ecologica

Il Centro per la ricerca sull'energia e l'aria pulita (CREA) ha pubblicato una valutazione del costo economico globale dell'inquinamento atmosferico da combustibili fossili. Il rapporto, pubblicato nel 2020, evidenzia quanto segue:

I costi economici dell'inquinamento atmosferico da combustibili fossili sono stati stimati in $2,9 trilioni di dollari nel 2018, pari a 3,3% del PIL globale, sostanzialmente oltre i probabili costi di una rapida riduzione delle consumo di combustibili fossili

L'inquinamento atmosferico dovuto alle emissioni di combustibili fossili ha causato circa 4,5 milioni di morti nel 2018. Ogni morte comporta una perdita media di 19 anni di vita.

Gli alti livelli di inquinamento da particolato da combustibili fossili (PM2,5) sono responsabili di 1,8 miliardi di giornate lavorative perse, 4 milioni di nuovi casi di asma infantile e 2 milioni di nascite premature. Questi sono solo alcuni degli impatti sulla salute che influenzano il benessere, la produttività economica e la spesa sanitaria.

Per saperne di più sui tipi di inquinamento atmosferico, vedere questo articolo

Un grafico che mostra i costi economici dell'inquinamento atmosferico da combustibili fossili per ogni paese come quota del PIL nel 2018

Come l'inquinamento atmosferico influisce sull'economia

Vediamo come si articola:

Perdita di forza lavoro e diminuzione della produttività

L'esposizione all'inquinamento atmosferico aumenta il rischio di malattie come asma, diabete, malattie cardiache, ictus e malattie respiratorie croniche. Ciò comporta una ridotta capacità lavorativa, una minore partecipazione al lavoro e un aumento della spesa sanitaria. Per coloro che hanno già problemi di salute, l'inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare complicazioni da questi disturbi.

L'aumento degli attacchi d'asma e dei giorni di malattia nei bambini influisce sui risultati di apprendimento a scuola, aumenta i costi sanitari e spesso costringe chi se ne prende cura ad assentarsi dal lavoro. L'aumento delle infezioni respiratorie e di altre malattie minori negli adulti aumenta le assenze dal lavoro.

Le nascite pretermine legate all'esposizione all'inquinamento atmosferico aumentano i costi sanitari e i rischi di numerose condizioni di salute per tutta la vita dei neonati colpiti.

Ecosistemi e biodiversità danneggiati (distruzione delle risorse naturali)

La capacità degli ecosistemi di funzionare e prosperare è danneggiata dall'inquinamento atmosferico, in particolare dalle emissioni di zolfo e azoto e dall'ozono troposferico. Le emissioni di anidride solforosa e ossido di azoto causano le "piogge acide", che aumentano l'acidità dell'acqua, della vegetazione e del suolo e hanno un impatto negativo sulla flora e sulla fauna selvatica.

In definitiva, l'acidificazione ha un impatto sulla capacità degli ecosistemi di offrire "servizi ecosistemici". Questi includono la fornitura di acqua e il ciclo dei nutrienti e del carbonio, che sono essenziali per il pianeta e la vita umana.

Cambiamento climatico accelerato

La prima cosa che viene in mente quando si parla di cambiamenti climatici sono i gas serra. Queste sostanze intrappolano il calore del sole nell'atmosfera terrestre e ne impediscono l'irradiazione nello spazio. Producono il cosiddetto effetto serra.

L'anidride carbonica (CO2) è il gas più frequentemente prodotto dall'attività umana. Circa 64% del riscaldamento globale causato dall'uomo è dovuto alla CO2. La CO2 viene prodotta nell'estrazione e nella combustione di combustibili fossili come il carbone e il petrolio. L'anidride carbonica può rimanere nell'atmosfera per migliaia di anni, rendendo più significativo il suo impatto sull'ambiente.

Proiezioni per il futuro della nostra aria

Secondo le previsioni dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), l'aumento dell'attività economica e della domanda di energia comporterà un forte incremento delle emissioni mondiali di inquinanti atmosferici in assenza di nuove e più severe restrizioni.

Si prevede che l'aumento delle emissioni di inquinamento atmosferico comporterà una maggiore ozono troposferico e le concentrazioni di PM2,5. Le concentrazioni medie di PM2,5 e di ozono sono già ben al di sopra dei livelli raccomandate dalle linee guida dell'OMS sulla qualità dell'aria per la maggior parte della popolazione mondiale.

Il previsto aumento dell'inquinamento da PM2,5 e ozono avrà a sua volta effetti sostanziali sull'economia e sulla salute pubblica. Entro il 2060, il numero annuale di giorni lavorativi persi aumenterà da 1,8 miliardi a 3,7 miliardi. Si prevede che il numero di morti premature dovute all'inquinamento atmosferico aumenterà da 4,5 milioni a 6-9 milioni all'anno entro il 2060, soprattutto in aree ad alta densità come Cina e India.

Come si può affrontare il problema dell'inquinamento atmosferico?

Se attuate correttamente, le politiche di controllo delle emissioni di inquinamento atmosferico migliorerebbero la qualità dell'aria, ridurrebbero la probabilità di effetti sanitari estremamente gravi e produrrebbero significativi co-benefici per l'ambiente. Le potenziali ripercussioni economiche degli effetti dell'inquinamento atmosferico esterno sono gravi e sottolineano la necessità di una forte azione legislativa.

Non esiste un metodo unico per ridurre l'impatto dell'inquinamento atmosferico. Le politiche devono essere adattate alle condizioni locali uniche, perché le fonti di emissione degli inquinanti atmosferici e gli effetti economici dell'inquinamento atmosferico sono distribuiti in modo molto disomogeneo nelle diverse regioni. Tuttavia, le politiche che incoraggiano l'uso di Dispositivi di fine tuboImporre standard di qualità dell'aria e la tariffazione delle emissioni contribuirà certamente a evitare gli impatti peggiori.

A lungo termine, la politica ambientale andrà a vantaggio dell'economia perché incoraggia un uso efficiente delle risorse, e i benefici per la salute che aumenterebbero il PIL di fino a 10%. I prezzi di produzione delle attrezzature necessarie si ridurranno con l'espansione del mercato delle tecnologie pulite. I Paesi che si muovono per primi ampliano le loro possibilità di crescita dell'industria delle tecnologie pulite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche