Cause e conseguenze dell'innalzamento del livello del mare

Ultimo aggiornamento il 30 marzo 2023 da Vita Ecologica

I cambiamenti climatici e il riscaldamento globale causano ogni anno lo scioglimento di enormi quantità di ghiaccio marino artico. In media, il livello del mare è aumentato di circa 23 centimetri dal 1880, e quasi la metà dell'aumento è avvenuto negli ultimi 25 anni. Ogni anno il mare si alza di altri 3,4 millimetri. A nuovo studio pubblicato il 15 febbraio 2022Il rapporto mostra che il tasso di innalzamento del livello del mare sta accelerando e si prevede un aumento di 30 centimetri entro il 2050 negli Stati Uniti.

Queste informazioni sono state ricavate dai dati tecnici pubblicati dall'azienda. Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica degli Stati Uniti (NOAA)

Anche il più piccolo innalzamento del livello del mare può avere conseguenze terribili per le persone che vivono sulla costa. Quando l'acqua del mare si sposta verso l'interno, può causare l'erosione del suolo, l'allagamento delle zone umide, la contaminazione dei terreni agricoli e delle falde acquifere e, di conseguenza, la perdita di habitat per pesci, uccelli e piante.

La fusione dei poli

Il Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) dell'ONU in un rapporto speciale stima che tra il 2006 e il 2015 lo scioglimento delle calotte polari ha immesso negli oceani oltre 430 gigatonnellate di acqua dolce all'anno a causa del riscaldamento del clima globale.

Le grandi formazioni di ghiaccio sotto forma di ghiacciai e calotte glaciali si sciolgono senza tornare alla loro forma abituale. Di solito, queste gigantesche strutture ghiacciate si scioglievano parzialmente durante l'estate e tornavano allo stato solido al ritorno delle temperature invernali. Ora, a causa del riscaldamento globale, le nevicate sono più miti, gli inverni sono più tardivi e le primavere più precoci, quindi il ghiaccio non si riunisce nella stessa forma e quantità.

Una scena che mostra le inondazioni costiere e
Le inondazioni possono avere gravi conseguenze sulla vita costiera. Foto da Matteo in Unsplash

Conseguenze dell'innalzamento del livello del mare

Le inondazioni oceaniche variano da una regione all'altra del mondo. Tuttavia, esse minacciano soprattutto le persone che vivono sulle isole e nelle zone costiere. Nei prossimi decenni, circa 745 milioni di persone saranno esposte a inondazioni, tempeste e altri eventi estremi sempre più frequenti e devastanti per la vita umana e l'ambiente, secondo l'IPCC.

L'innalzamento del livello del mare può anche aggravare l'erosione costiera, peggiorare la qualità dell'acqua potabile e per l'irrigazione, danneggiare il patrimonio storico e artistico, influenzare i trasporti e l'attività economica nelle città e sommergere terreni agricoli, siti naturali, case e persino interi villaggi, trasformando i loro abitanti in rifugiati climatici.

Previsioni sull'innalzamento del livello del mare

La NASA segue da anni la superficie oceanica globale, monitorando l'evoluzione del livello del mare attraverso osservazioni satellitari dallo spazio. Entro il 2100, l'agenzia prevede che il livello del mare aumenterà di altri 30-122 centimetri a livello globale. A meno che non si verifichino drastiche riduzioni delle emissioni di gas serra.

Il previsto aumento del livello del mare lascerebbe migliaia di chilometri di terra in balia delle inondazioni. Compromettendo la sicurezza e l'approvvigionamento idrico di milioni di persone in tutto il mondo, soprattutto di quelle che vivono sulle isole e nelle zone costiere. Per non parlare del pericolo per tutte le piante e gli animali che vivono in queste regioni.

Queste previsioni hanno importanti implicazioni. Una delle maggiori preoccupazioni è la probabile migrazione dalle coste. Nel 2021, il rapporto Groundswell della Banca Mondiale ha stimato che entro il 2050 i cambiamenti climatici costringeranno 216 milioni di persone in sei regioni globali a spostarsi all'interno dei propri Paesi. Secondo un rapporto del 2019, fino a 250 milioni di persone, in tutti i continenti, potrebbero essere "direttamente colpite" entro il 2100. studio della rivista Nature Communications.

Il futuro delle città di mare

L'inevitabile conseguenza del cambiamento climatico è molto difficile da immaginare per l'uomo. Abbiamo due opzioni: affrontare di petto i costi ambientali ed economici o concentrarci sulla riduzione dei gas serra e adattare un mondo migliore per le generazioni future. Ciò che facciamo oggi determina ciò che accadrà domani. Cerchiamo di minimizzare il più possibile gli effetti del cambiamento climatico e di creare un futuro migliore per il futuro.

Cosa ne pensate di questo articolo? Lasciateci un commento o un suggerimento.

Potrebbe piacerti anche