Un aggiornamento sulla guerra contro i CFC

Ultimo aggiornamento il 8 gennaio 2024 da Vita Ecologica

Negli anni '80, è stato scoperto un buco nell'ozono sull'Antartide. Gli scienziati si sono subito resi conto che questo buco era dovuto alla produzione e all'uso a livello globale di sostanze chimiche che distruggono l'ozono, come i clorofluorocarburi (CFC). I CFC erano ovunque, dalle lacche per capelli ai sistemi militari. Quando sono stati scoperti, si pensava che i CFC fossero le meraviglie chimiche del mondo moderno, invece stavano causando una perdita di ozono sconosciuta.

Si scoprì subito che i CFC potevano distruggere l'ozono nell'alta atmosfera. Scienziati, istituzioni e governi si sono rapidamente riuniti in tutto il mondo e hanno vietato l'uso dei CFC in un accordo noto come il Protocollo di Montreal sulle sostanze nel 1987.

Questo accordo è probabilmente ad oggi il trattato internazionale sull'ambiente di maggior successo che sia mai esistito. Infatti, dati recenti dimostrano che il buco nell'ozono si sta riducendo e si prevede un recupero completo entro il 2070... Se nessuno viola il Protocollo di Montreal.

Violazione del Protocollo di Montreal

Nel 2018 uno studio è stata rilasciata una notizia che ha sconvolto il mondo. Per la prima volta dalla firma del Protocollo di Montreal, le emissioni di CFC, in particolare di CFC-11 (triclorofluorometano), hanno ricominciato ad aumentare tra il 2010 e il 2018. Ciò ha scosso il mondo perché la produzione di CFC-11 avrebbe dovuto essere vietata a partire dal 2010. La ricerca della fonte o delle fonti delle nuove emissioni di CFC è stata avviata.

Lo scienziato è riuscito a localizzare 40-60% della fonte delle nuove emissioni di CFC in Cina. Tutti gli occhi erano puntati sulla Cina per vedere se e quali azioni avrebbe intrapreso per correggere questa violazione.

La Cina ha iniziato a dare un giro di vite sulle fonti di produzione del CFC-11. Si scoprì che si trattava di produttori di schiuma (utilizzata per l'isolamento delle abitazioni) che facevano uso della sostanza illegalee lo acquistavano da produttori e distributori poco raccomandabili.

Gran parte del gas CFC-11 è stato utilizzato per l'isolamento delle abitazioni. IMMAGINI GETTY

Nuova ricerca suggerisce che la repressione del CFC-11 da parte della Cina ha funzionato, in quanto le emissioni di CFC a livello globale e in Cina stanno ora scendendo al di sotto dei livelli registrati prima degli anni in cui si è verificato l'aumento del CFC-11.

Tuttavia, le autorità devono continuare a impegnarsi, perché anche se la produzione di CFC-11 è diminuita, tra il 2013 e il 2019 era ancora presente in grandi quantità nelle schiume e nei gas, che non sono ancora stati emessi nell'atmosfera.

Gli edifici di tutta la Cina e del resto del mondo contengono questa schiuma. L'Agenzia per le indagini ambientali (EIA) avverte che se questa schiuma non viene trovata e smaltita correttamente, può emettere progressivamente fino a 3,4 miliardi di tonnellate di CO2 - circa l'ammontare delle emissioni annuali di CO2 dell'Unione Europea.

E il resto delle nuove emissioni di CFC?

Nuovi dati dal 2022 ha mostrato la provenienza delle nuove emissioni di CFC dal 2012 al 2017. Sebbene il 40-60% dell'aumento provenga dalla Cina orientale, si sono registrati aumenti significativi anche dall'Asia occidentale temperata e dall'Asia tropicale.

Mappa del mondo
Una nuova ricerca del Global Monitoring Laboratory ha identificato l'Asia occidentale temperata e l'Asia tropicale come due ulteriori regioni di provenienza delle crescenti emissioni di CFC-11 individuate dagli scienziati del NOAA nel 2018. Il lavoro precedente era riuscito a identificare la Cina come una delle fonti. Credito: Global Monitoring Laboratory, CC BY 4.0

Purtroppo, queste regioni coprono aree molto vaste in diversi Paesi. Questo rende più difficile uno sforzo coordinato come quello visto in Cina, perché le fonti non sono ben conosciute. L'unica soluzione per combattere le nuove emissioni è quello di predisporre un ulteriore campionamento dell'aria regioni come l'Asia, l'Africa e il Sud America, che sono ampiamente sotto campionate.

Se non vengono allestiti altri punti di campionamento, lo strato di ozono avrà un tempo di recupero più difficile e più lungo. I CFC sono anche potenti gas serra che favoriscono il riscaldamento globale. Speriamo che scienziati, istituzioni e governi si uniscano ancora una volta per affrontare questo problema, per il bene della protezione dell'ozono.

Percorso di recupero

Secondo un esame annuale di campioni d'aria prelevati da località remote in tutto il mondo. Si è verificata una caduta costante nelle emissioni globali di sostanze che danneggiano l'ozono.

All'inizio del 2022, la concentrazione complessiva di sostanze che riducono l'ozono nella stratosfera delle medie latitudini è scesa di poco più di 50%, tornando ai livelli osservati nel 1980. Secondo gli scienziati della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), si tratta di un traguardo significativo. Questo traguardo è stato raggiunto grazie alla cooperazione internazionale e al rispetto del Protocollo di Montreal nel corso di tre decenni.

Stephen Montzka, scienziato senior del Laboratorio di monitoraggio globale del NOAA, ha dichiarato: "È fantastico vedere questi progressi. Allo stesso tempo, è un po' umiliante rendersi conto che la scienza è ancora lontana dal poter affermare che il problema dell'esaurimento dell'ozono è alle nostre spalle". Se continuiamo a monitorare attentamente la situazione e ad essere proattivi nella protezione dell'ozono, l'atmosfera sopra l'emisfero meridionale e il polo sud dovrebbe recuperare completamente entro il 2070.

Potrebbe piacerti anche