Foto in Alaska
Credito: Pixabay/Pexels

Il progetto Willow deve essere fermato?

Ultimo aggiornamento il 27 settembre 2023 da Vita Ecologica

Lunedì 13 marzo 2023, il governo statunitense ha approvato il progetto Willow. Si è trattato di una delle questioni ambientali più controverse dell'anno. La decisione è arrivata dopo mesi di intense pressioni e milioni di euro. petizioni online e video TikTok contro il Progetto Salice. Dopo il mancanza di impegni seri alla recente COP27 vertice sul clima, gli ambientalisti hanno ritenuto che si trattasse di un duro colpo.

Il nuovo progetto Willow mina gli sforzi degli Stati Uniti per eliminare gradualmente i combustibili fossili? O è solo un sintomo della nostra dipendenza dal petrolio nella transizione verso un'economia non petrolifera?

Che cos'è il progetto ConocoPhillips Willow?

Mappa dell'Alaska settentrionale che mostra la posizione dell'Arctic National Wildlife Refuge (NPRA) e della National Petroleum Reserve Alaska (NPRA), dove si svolge il progetto Willow.
Una mappa dell'Alaska settentrionale che mostra la posizione dell'Arctic National Wildlife Refuge (ANWR) e della National Petroleum Reserve Alaska (NPRA). Il progetto Willow si svolge nella NPRA. Crediti: USGS, Dipartimento degli Interni

Willow è un progetto di trivellazione petrolifera in Alaska. Il progetto è guidato da ConocoPhillips, che spenderà una cifra stimata di $8-10 miliardi.

L'area si trova sulle pendici settentrionali dell'Alaska e fa parte della National Petroleum Reserve-Alaska (NPR-A), la più grande area di terra pubblica degli Stati Uniti. Il Navy Petroleum Reserves Production Act del 1976 ha ufficialmente aperto l'area allo sviluppo di petrolio e gas.

La legge ha designato alcune aree per la "massima protezione ambientale" e ha stabilito criteri speciali per lo sviluppo di petrolio e gas.

La NPR-A è un habitat importante per gli orsi polari e per decine di migliaia di caribù e anatre in migrazione. Ma è anche una delle aree più promettenti per il nuovo petrolio negli Stati Uniti.

Un piccolo gruppo di caribù nel Denali National Park and Preserve.
Un piccolo gruppo di caribù nel Denali National Park and Preserve. Crediti: NPS/Jay Elhard

Pro e contro del progetto Willow

Il progetto Willow ha suscitato un intenso dibattito da tutte le parti, con i sostenitori che affermano che gli Stati Uniti hanno bisogno di questo petrolio e gli oppositori che esortano Biden a non rimangiarsi la parola data e a far approvare la legislazione per evitare la catastrofe climatica. Entrambe le argomentazioni hanno qualche merito:

I professionisti del progetto Willow

La Casa Bianca sostiene che il petrolio fresco proveniente dall'Alaska contribuirà a garantire agli Stati Uniti un approvvigionamento energetico nazionale stabile. Questo è fondamentale per ridurre la dipendenza della nazione e dei suoi alleati dai fornitori di petrolio. I fornitori stranieri di petrolio possono operare sotto regimi autocratici e avere normative ambientali poco rigorose rispetto agli Stati Uniti. 

In Alaska, i funzionari statali e molti nativi dell'Alaska affermano di aver bisogno di rilanciare un'economia in crisi. Il progetto darà lavoro a migliaia di persone. Si prevede inoltre che Willow genererà miliardi di dollari di attività economica e di entrate fiscali.

Progetto Salice Contro

Gli svantaggi del progetto Willow sono evidenti: si prevede che il progetto produrrà una grande quantità di petrolio nei prossimi 30 anni. La combustione di questo petrolio potrebbe comportare il rilascio di altri 278 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio che cambiano il clima. Si tratta di circa quattro per cento delle emissioni degli Stati Uniti nel 2021.

Se gli Stati Uniti e l'Europa vogliono raggiungere l'obiettivo di emissioni nette zero entro il 2050, le emissioni devono diminuire rapidamente. Questo rende il progetto Willow ancora più controverso in un momento come questo.

Purtroppo, è un segno che NON siamo sulla strada giusta per abbandonare i combustibili fossili con la rapidità necessaria.

E mentre molti funzionari dell'Alaska desiderano i benefici economici di un progetto di trivellazione petrolifera, nessuno vuole viverci vicino. Gli abitanti di Nuiqsut, il villaggio più vicino al progetto, si oppongono a Willow. Questo perché si aspettano il peggiore degli impatti negativi.

I progetti petroliferi hanno un impatto negativo sulla fauna locale, sulla qualità dell'aria e possono portare a potenziali disastri ambientali dovuti a fuoriuscite di petrolio. Il Fuoriuscita di petrolio dalla Exxon Valdez che si è verificato il 24 marzo 1989 ne è un esempio lampante. Questo evento ha provocato la morte diffusa della vita marina lungo la costa dell'Alaska di Bligh Reef. Ha portato alla creazione del Legge sull'inquinamento da idrocarburiche consente all'EPA di rispondere rapidamente alle fuoriuscite di petrolio.

Probabilmente ha danneggiato la reputazione del Presidente Biden. Biden ora sembra un ipocrita perché ha spesso sostenuto che altre nazioni devono perseguire alternative più pulite al petrolio e al gas naturale.

Perché il presidente Joe Biden ha approvato Willow?

L'approvazione del progetto Willow ha scioccato e indignato molti ambientalisti. Il Presidente Biden ha promesso di fermare tutte le nuove trivellazioni petrolifere nelle terre federali quando è entrato in carica. Questo ha portato alcuni a credere che fosse greenwashing da sempre.

Ci sono due ragioni per cui l'amministrazione Biden ha approvato questo progetto. Il primo motivo è di natura legale: la ConocoPhillips detiene contratti di locazione nella NPR-A dagli anni '90.

Cercare di impedirgli di trivellare avrebbe potuto portare a una causa in tribunale, che ConocoPhillips avrebbe probabilmente vinto. I contribuenti avrebbero perso milioni o miliardi di dollari. E loro avrebbero potuto continuare a trivellare comunque.

Il secondo motivo è che Biden ha promesso agli elettori che avrebbe affrontato il problema del costo elevato del petrolio e della benzina. La crisi energetica del 2022 è stata molto sentita dall'opinione pubblica. I prezzi del petrolio e della benzina sono aumentati bruscamente dopo l'inizio della crisi. guerra in Ucraina.

Negli ultimi mesi, Biden ha riconosciuto che il petrolio ha ancora un ruolo nell'economia. Questo riflette una parte più ampia del problema: gli Stati Uniti e molti altri Paesi sono ancora largamente dipendenti dal petrolio. Limitare l'offerta farebbe aumentare i prezzi, il che non è quello che vuole il pubblico.

L'amministrazione Biden dice ha ridotto significativamente le dimensioni del progetto Willow. Ha negato alla ConocoPhillips due dei cinque siti di trivellazione proposti dopo una revisione ambientale. I gruppi ambientalisti hanno affermato che la revisione non è stata abbastanza approfondita.

Hanno inoltre imposto all'azienda di rinunciare ai contratti di locazione di altri terreni nella zona. Ma queste future restrizioni sono state descritte comegiuridicamente dubbia'.

I principali programmi climatici di Biden si sono finora concentrati sull'espansione dell'uso di energia pulita da parte dei consumatori, piuttosto che sulla riduzione della produzione di combustibili fossili. Per esempio, l'amministrazione Biden vuole alimentare circa 9,5 milioni di case con energia rinnovabile entro il 2025.

Il progetto Willow può essere fermato?

I gruppi ambientalisti hanno intrapreso azioni legali per cercare di fermare il progetto Willow. Sono state intentate due cause separate contro il progetto Willow.

Alaska Wilderness League, Trustees for Alaska, Sierra Club e Sovereign Lupiat for a Living Arctic hanno intentato una causa martedì 14 marzo.

Sostengono che, approvando il progetto, il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha violato le proprie politiche sul cambiamento climatico.

Una coalizione di gruppi ambientalisti, tra cui il Natural Resources Defense Council, il Center for Biological Diversity e Greenpeace, sostiene che il governo ha finalizzato il permesso senza affrontare le obiezioni sollevate in una causa separata presentata in 2021.

Le organizzazioni chiedevano un'ingiunzione che alla fine non è andata a buon fine. La ConocoPhillips si affida alle strade ghiacciate per costruire il suo progetto petrolifero. Se la costruzione venisse ritardata oltre aprile, potrebbe essere bloccata per almeno un anno.

Tuttavia, lunedì 3 aprile 2023, il giudice federale Sharon Gleason della Corte distrettuale degli Stati Uniti d'America dell'Alaska ha deliberato a favore del governo federale, consentendo che la costruzione del progetto Willow proseguisse come previsto.

Nonostante ciò, i gruppi ambientalisti continuano la loro battaglia in tribunale per impedire la realizzazione del progetto Willow.

Il progetto Willow deve essere fermato?

Entro il 2030 si prevede che i governi produrranno il doppio dei combustibili fossili necessari per limitare il riscaldamento globale a 1,5ºC.

Le proiezioni per la produzione di combustibili fossili sono anche superiori all'obiettivo meno ambizioso di 2ºC concordato nell'Accordo di Parigi. Gli esperti hanno avvertito che il mancato raggiungimento del limite di 2ºC potrebbe essere catastrofico per il nostro pianeta e, naturalmente, per noi.

Due grafici a linee che mostrano la produzione globale di combustibili fossili e la produzione globale di petrolio tra il 2020-2040. Quattro linee sui grafici mostrano i piani e le proiezioni dei Paesi, le produzioni implicite negli impegni climatici, la produzione coerente con gli impegni di 2ºC e 1,5ºC.

Non dobbiamo smettere subito di usare il petrolio. Secondo un rapportoil mondo potrebbe ancora produrre 40 milioni di barili di petrolio al giorno nel 2040 e rimanere sulla buona strada per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Per contestualizzare questo dato, nel 2022 la produzione mondiale è stata di circa 100 milioni di barili al giorno, un nuovo record.

Alcuni hanno sostenuto che le restanti emissioni di petrolio potrebbero essere compensate da emissioni negative. Ciò potrebbe avvenire attraverso il sequestro naturale (alberi e alghe) o artificiale (tecnologia) del carbonio. Tuttavia, si tratta di un terreno scivoloso perché le emissioni negative si basano sulla rimozione del carbonio dall'atmosfera. Non tutte le emissioni di gas a effetto serra possono essere compensate da emissioni negative. inquinamento atmosferico può avere il suo propri costi economici.

Per incontrare obiettivi climaticiLa produzione di petrolio dovrà diminuire nei prossimi decenni. L'umanità può fare affidamento solo su emissioni negative.

Il progetto Willow sarà cancellato? Molto probabilmente no. Molte persone sono arrabbiate con Biden. Ma gli Stati Uniti non sono i soli a non riuscire a limitare lo sfruttamento delle risorse nazionali di combustibili fossili. Poche nazioni sono disposte a farlo.

Norvegia e Canada, due ricche nazioni sviluppate con alte tasse sul carbonio, continuano a dare il via libera a nuove estrazioni di petrolio e gas. Il nuovo governo colombiano di sinistra del presidente Gustavo Petro non ha dato seguito alle promesse di bloccare le nuove esplorazioni petrolifere, temendo di non essere in grado di recuperare i mancati introiti.

Questo è anche il motivo per cui i Paesi con bassi introiti da combustibili fossili stanno formando coalizioni, come la Alleanza oltre il petrolio e il gasi cui membri (tra cui Danimarca e Costa Rica) si sono impegnati a eliminare gradualmente l'estrazione di combustibili fossili.

In risposta allo shock energetico del 2020, i governi hanno aumentato i sussidi per il consumo di combustibili fossili di un livello record. trilione $1. I governi europei hanno persino abbandonato i piani per fermare le trivellazioni nel Mare del Nord. Quello che abbiamo visto nel 2022 è che il pubblico non vuole pagare prezzi più alti per l'energia e il carburante.

Limitare l'approvvigionamento di combustibili fossili per creare un 'prezzo ombra del carbonioL'introduzione di una tassa sulle emissioni di anidride carbonica che riduca la domanda di combustibili fossili è difficile da approvare e potrebbe non essere sufficiente a incoraggiare un reale passaggio alle energie rinnovabili. D'altra parte, l'introduzione di tasse sul carbonio che ridurrebbero la domanda di combustibili fossili è difficile da approvare e potrebbe non essere sufficiente a incoraggiare un reale passaggio alle energie rinnovabili.

È indubbiamente difficile gestire la transizione del mix energetico. Questo è ciò che accademici come Sara Hastings-Simon e Emily Grubert chiamano il "problema del mix energetico".metà transizioneIn cui i combustibili fossili e i sistemi a zero emissioni di carbonio devono coesistere, pur essendo limitati l'uno dall'altro. Immaginate un Paese in cui 70% di persone si spostano con auto elettriche. Quali aziende gestiranno le restanti 30% di stazioni di servizio? Chi si occuperà della manutenzione dei siti di trivellazione che presentano perdite quando alcune compagnie petrolifere e del gas andranno in bancarotta?

I governi attenti all'ambiente approvano ancora spesso nuovi progetti petroliferi e di gas per ragioni simili a quelle che hanno portato gli Stati Uniti ad approvare il progetto Willow.

In primo luogo, sostengono che se non producono loro il petrolio, lo faranno altri Paesi. Alcuni altri Paesi potrebbero avere leggi ambientali più permissive. Al contrario, potrebbero essere governati da tiranni ostili che usano i soldi del petrolio per finanziare invasioni o repressioni. Inoltre, dato che il petrolio verrà pompato comunque, perché non assicurarsi che i posti di lavoro e i soldi rimangano in patria?

Il secondo argomento a favore dello sviluppo di progetti sui combustibili fossili è che è meglio ridurre la domanda di combustibili piuttosto che ridurre l'offerta di petrolio e gas. Poiché i governi sono riluttanti a consentire riduzioni dell'offerta che comportino un aumento dei costi e quindi una riduzione della domanda, anche questa argomentazione ha qualche merito.

Se si combattono progetti come Willow e si ha successo, è improbabile che si influenzi la domanda di petrolio; gli Stati Uniti si riforniranno semplicemente di petrolio da qualche altra parte, a un prezzo più alto. Il prezzo del petrolio aumenta per il consumatore, ma la domanda rimane più o meno la stessa.

Limitare l'offerta di combustibili fossili è una sfida perché diversi attori vogliono trarre profitto dalla loro vendita e il pubblico vuole godere di prezzi bassi quando li acquista.

Poiché l'amministrazione Biden non può ridurre direttamente la domanda tassando i combustibili fossili o ridurre direttamente l'offerta interrompendo le trivellazioni, potrebbe prendere in considerazione una terza opzione: limitare la disponibilità di tecnologie che bruciano combustibili fossili. Sebbene questa soluzione sia solitamente impopolare perché colpisce molte aziende, è almeno politicamente più fattibile tassare o vietare l'installazione di nuove apparecchiature alimentate a combustibili fossili in futuro, come veicoli, forni o caldaie.

Ma perché ciò avvenga, la tecnologia delle energie rinnovabili e le infrastrutture che la supportano devono essere già presenti. Oggi non possiamo passare alle auto elettriche se non abbiamo le centrali elettriche per sostenerle. Allo stesso modo, devono esistere sistemi per riciclare i materiali a fine vita, come le batterie delle auto elettriche. Toyota e Nissan hanno trovato usi interessanti per le batterie delle loro vecchie auto elettriche.

I governi dovrebbero quindi prendere in considerazione la possibilità di investire in infrastrutture a supporto delle tecnologie per le energie rinnovabili, in modo che i consumatori possano effettuare il passaggio. Una volta realizzata l'infrastruttura, i governi possono iniziare a tassare le tecnologie basate sui combustibili fossili, per incoraggiare il passaggio all'alternativa rinnovabile. I Paesi Bassi ne sono un esempio importante di questo.

La tecnologia sarà senza dubbio all'avanguardia nel risolvere la crisi climatica. Dobbiamo concentrare le nostre energie nel fornire ai consumatori fonti di energia rinnovabile per ridurre l'impronta di carbonio.

Leggi qui dovremmo porre fine ai sussidi per i combustibili fossili?

Il piano europeo per l'inquinamento zero: In corso

Smettete di bere il tè dalle bustine! Hanno la plastica

Indossate abiti sostenibili?

Guida alle sostanze chimiche per sempre (PFAS)

Lo strato di ozono: Passato, presente e controversie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche