Test del sangue
Le microplastiche sono state trovate nel sangue umano

Il sangue umano contiene molte microplastiche

Ultimo aggiornamento il 1 giugno 2023 da Vita Ecologica

Una nuova ricerca condotta da un gruppo di scienziati olandesi e pubblicata su Environment International ha rilevato la presenza di particelle di plastica microplastica in quantità elevate nel sangue umano.


In questo studio, gli scienziati hanno analizzato i campioni di sangue di 22 adulti sani e hanno trovato particelle di plastica in 17 di essi. Un terzo dei campioni conteneva polistirene, utilizzato per confezionare alimenti e altri prodotti, mentre la plastica PET, comunemente presente nelle bottiglie per bevande, era presente nella metà dei campioni. Un quarto dei campioni di sangue conteneva polietilene, utilizzato per produrre sacchetti di plastica.

Sebbene il gruppo di studio analizzato sia troppo piccolo per generalizzare sulla popolazione globale, la preoccupazione degli esperti si concentra ora su come alcune piccole particelle di microplastica trasportate dall'aria possano penetrare in profondità nel corpo umano, cosa che le microplastiche più grandi non possono fare.

Foto da Nguy?n Hi?p in Unsplash

Perché la plastica è stata trovata nel sangue?

La presenza di microplastiche nel sangue è la conseguenza del consumo di plastica. Gran parte della plastica che utilizziamo finisce nelle discariche o come rifiuti, dove si decompone in piccole particelle. Queste particelle possono essere respirate o ingerite e possono essere dannose per la nostra salute.

La presenza di microplastiche nel sangue è motivo di preoccupazione?

"Il nostro studio è la prima indicazione della presenza di particelle polimeriche nel sangue", ha dichiarato l'autore dello studio, il professor Dick Vethaak, ecotossicologo presso la Vrije University di Amsterdam, nei Paesi Bassi. "Ma dobbiamo estendere la ricerca e aumentare le dimensioni dei campioni, la quantità di polimeri testati, ecc.". Ulteriori studi sono già in corso da parte di diversi gruppi, ha sottolineato.

"È logico essere preoccupati. Le particelle sono lì e vengono trasportate in tutto il corpo", ha dichiarato Vethaak al Guardian. "Sappiamo anche che, in generale, i neonati e i bambini piccoli sono più vulnerabili all'esposizione a sostanze chimiche e particelle", ha aggiunto. "Sono molto preoccupato per questo.

Nel nuovo studio sono stati adattati nuovi metodi per il rilevamento e l'analisi di particelle piccole fino a 0,0007 mm. In alcuni campioni di sangue erano presenti due o tre tipi diversi di plastica.

Come sono entrati nel sangue?

Come hanno dimostrato studi precedenti, esistono diverse potenziali vie di esposizione attraverso le quali le microplastiche si "intrufolano" nell'organismo.

Come le membrane mucose, sia per ingestione che per inalazione: "Le particelle di plastica ultrafini inalate possono essere assorbite e accumulate nei polmoni, mentre la maggior parte delle particelle più grandi dovrebbe essere tossita e infine ingerita. Avrebbero quindi una seconda possibilità di essere assorbite attraverso l'epitelio intestinale", spiega lo studio.

Solo nel 2015 sono stati generati più di 7 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica a livello globale.

Le plastiche più comuni

I polimeri di polietilene tereftalato (PET), polietilene e stirene sono stati i tipi di plastica più comuni trovati nei campioni di sangue, seguiti dal polimetilmetacrilato; è stato analizzato anche il polipropilene, ma le concentrazioni erano troppo basse per una misurazione accurata.

Il passo successivo è scoprire quanto facilmente queste particelle possano passare dal flusso sanguigno ai tessuti, ad esempio in organi come il cervello.

E cosa significa la plastica nel sangue per la salute umana?

Gli scienziati stanno ancora cercando di determinare gli effetti dell'ingestione di queste minuscole particelle, ma è chiaro che il problema è in crescita e gli studi sugli animali lasciano intravedere effetti molto preoccupanti. Abbiamo visto gli impatti dannosi sulle creature marine, con le microplastiche che hanno causato aneurismi nei pesci e danni cognitivi nei paguri.

Il tempo di permanenza delle particelle nel flusso sanguigno è sconosciuto. Anche il destino delle particelle nell'organismo è sconosciuto. Gli autori sottolineano che una valutazione del rischio per la salute umana derivante dalla contaminazione da particelle di plastica non è attualmente possibile a causa della mancanza di dati sui rischi tossicologici e sull'esposizione. Tuttavia, sperano che il loro studio fornisca dati per una migliore comprensione delle sostanze plastiche sulla salute umana e dei rischi per la salute ad esse associati.

Misure per evitare l'inquinamento da microplastiche

Le Nazioni Unite hanno proposto 20 misure per il 2019 che potrebbero contribuire a ridurre l'inquinamento da plastica e microplastica:

Utilizzare spazzolini biodegradabili.
Utilizzare un filo interdentale in fibra naturale.
Evitate di usare padelle antiaderenti rivestite di teflon.
Evitare di usare rasoi di plastica usa e getta.
Utilizzare prodotti per capelli che non contengano ingredienti plastici.
Utilizzare prodotti cosmetici e per la cura della persona che non contengano microparticelle.
Utilizzare asciugamani in cotone, cotone biologico o fibra di canapa.
Se pescate, non dimenticate di raccogliere reti, fili e ami di nylon.
Evitare i palloncini in occasione di feste e celebrazioni.
Non utilizzare i brillantini.
Portate con voi una bottiglia riutilizzabile.
Tenete alcune borse riutilizzabili a casa, al lavoro e nello zaino.
Utilizzate una tazza riutilizzabile per il caffè o il tè.
Portate il vostro pranzo in contenitori riutilizzabili.
Portate con voi le posate per evitare di comprare quelle monouso.
Optate per tessuti e stoffe naturali e riducete la quantità di indumenti in tessuto sintetico.
Utilizzare prodotti e detergenti meno aggressivi.
Riciclate la plastica che utilizzate.
Non gettate i rifiuti per strada.
Essere proattivi e assumersi le proprie responsabilità. La riduzione dell'inquinamento da plastica richiede un grande impegno da parte dei governi e delle imprese, ma anche noi singoli possiamo fare la nostra parte.

Riferimenti
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0160412022001258
https://www.unep.org/es/noticias-y-reportajes/comunicado-de-prensa/informe-de-la-onu-sobre-contaminacion-por-plasticos

Cosa ne pensate di questo articolo? Avete idee su altri argomenti che dovremmo trattare? Lasciateci un suggerimentoApprezziamo tutti i feedback che riceviamo!

Potrebbe piacerti anche