Guida alle sostanze chimiche per sempre (PFAS)

Ultimo aggiornamento il 8 gennaio 2024 da Vita Ecologica

Avete mai sentito parlare di sostanze chimiche per sempre (alias PFAS)? Probabilmente sì.

PFAS (sostanze alchiliche per- e polifluorurate), noto anche come il Prodotti chimici Foreversono una famiglia di 4.700 sostanze chimiche altamente persistenti che non si formano sulla Terra per via naturale.

Si tratta di una serie di sostanze chimiche che comprendono ritardanti di fiamma, erbicidi, repellenti per insetti, insetticidi, prodotti tessili, prodotti per la cura personale e prodotti di consumo.

Attualmente produciamo in massa sostanze chimiche per sempre. Purtroppo, le ricerche degli ultimi decenni hanno dimostrato che possono accumularsi nel nostro corpo ed essere dannose per la salute nostra, delle nostre famiglie e della vita su questo pianeta.

Da dove provengono i PFAS?

Fonti di esposizione ai PFAS
Fonti di esposizione ai PFAS. Fonte: SEE

Dagli anni '50, i PFAS sono stati utilizzati in un'ampia gamma di articoli di consumo in tutto il mondo. Oggi si trovano in articoli come schiume antincendio, pentole antiaderenti e cosmetici.

I PFAS sono particolarmente interessanti da stratificare sui materiali perché proteggono da grasso, olio e acqua. Ne sono un esempio le moquette e i tessuti antimacchia, gli imballaggi per alimenti e gli indumenti idrorepellenti. I PFAS si trovano in tutti gli aspetti della vita quotidiana.

In molti Paesi i PFAS sono utilizzati inutilmente negli imballaggi alimentari. Ricerca è stato condotto per misurare la quantità di PFAS utilizzati negli imballaggi alimentari in tutta Europa. Su 42 campioni inviati per l'analisi, 32 campioni, tra cui imballaggi di importanti catene globali di fast-food come McDonald's, KFC, Subway o Dunkin' Donuts, hanno mostrato un trattamento intenzionale con PFAS.

In Danimarca, l'uso di sostanze chimiche per sempre negli imballaggi alimentari in carta e cartone è stato vietato dal luglio 2020. Lo studio ha riscontrato che nessuno dei sacchetti di patatine fritte di McDonald's portati in Danimarca presentava un trattamento con PFAS. Tuttavia, è stato riscontrato un trattamento intenzionale con PFAS per gli stessi articoli acquistati nella Repubblica Ceca e nel Regno Unito.

Questo dimostra come le leggi possano proteggere i cittadini da sostanze chimiche pericolose. Sottolinea inoltre come esistano diversi gradi di protezione nei vari Paesi a causa dell'assenza di standard unificati per i materiali a contatto con gli alimenti in tutta l'UE.

I lavoratori che entrano ripetutamente in contatto con i PFAS hanno maggiori probabilità di essere a rischio. Tra questi vi sono i lavoratori delle fabbriche che producono PFAS, il personale che utilizza determinati prodotti nella produzione (come la cromatura dura) e il personale che utilizza il prodotto a livello professionale (ad esempio, nelle attrezzature antincendio e nella cera da sci).

Effetti dei PFAS sulla salute

Un diagramma che mostra gli effetti dei PFAS sui diversi organi del corpo.
Fonte: SEE (2019).

Gli effetti sulla salute legati alle sostanze chimiche per sempre iniziano solo ora a essere compresi. Secondo un documento di 993 pagine recensione pubblicato dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), l'esposizione ai PFAS è associata a:

  • Cancro
  • Danni al fegato
  • Diminuzione della fertilità
  • Aumento del rischio di asma
  • Aumento del rischio di malattie della tiroide

È stato persino dimostrato che i PFAS possono essere trasferiti dalla madre al feto. I PFAS possono continuare ad accumulare negli organi e nei tessuti del bambino nel corso della sua vita, se vi è esposto continuamente.

La pericolosità dei PFAS è stata riconosciuta negli ultimi decenni e, di conseguenza, alcuni di essi sono stati regolamentati e/o vietati. L'evidenza suggerisce che la legislazione ha avuto un effetto e molte popolazioni in Europa (come ad esempio Belgio, Danimarca, Finlandia, Spagna e Svezia) hanno registrato una diminuzione dei PFAS studiati nel sangue.

Poiché esistono molti tipi di PFAS, solo pochi di essi sono stati studiati a fondo. Quelli che sono stati studiati hanno visto effetti significativi sui sistemi endocrino, immunitario e riproduttivo, nonché durante lo sviluppo infantile.

La continua esposizione al cocktail di queste sostanze chimiche non fa bene al nostro organismo e a quello delle altre specie del pianeta. In Europa, si stima che i PFAS costino ogni anno dai 52 agli 84 miliardi di euro in salute costi.

I PFAS nel sangue e nel corpo

L'Iniziativa europea di biomonitoraggio umano (HBM4EU) ha misurato 12 sostanze chimiche PFAS negli adolescenti europei (12-18 anni) tra il 2014 e il 2021. Il grafico sottostante mostra la percentuale di adolescenti di nove Paesi europei con livelli ematici combinati di PFAS superiori al valore guida basato sulla salute.

Un grafico che mostra la percentuale di adolescenti con livelli ematici di PFAS superiori ai valori guida per la salute in nove Paesi europei
Percentuale di adolescenti europei in nove Paesi europei con livelli ematici combinati di PFAS superiori al valore guida basato sulla salute (2014-2021). Fonte: SEE

In tutti e nove i Paesi una percentuale di adolescenti presentava livelli ematici di PFAS superiori al valore guida per la salute, con valori compresi tra 1% in Spagna e 24% in Francia. Livelli superiori sono stati riscontrati nei ragazzi piuttosto che nelle ragazze, nonché negli adolescenti provenienti da famiglie con un livello di istruzione più elevato.

Una ricerca condotta in Germania è stata in grado di misurare uno spettro di 37 PFAS presenti in sangue umano nel periodo 2009-2019. Anche se le concentrazioni di diversi PFAS sono diminuite in modo significativo nel corso degli anni. Ciò è dovuto al fatto che molti PFAS sono stati vietati nell'UE. Due diversi PFAS erano ancora rilevabili nei campioni di sangue anche dopo essere stati vietati per alcuni anni.

I PFAS si accumulano in diversi organi del corpo, con una studio che dimostrano che i PFAS si accumulano maggiormente nei polmoni. Uno studio condotto nel sud della Spagna ha addirittura rilevato PFAS in latte materno.

I PFAS nell'ambiente

I PFAS sono stati rilevati nella neve di Il Monte Everest a acqua piovana; suoli e uova di uccelli selvaticiin uccelli e mammiferi così come pesce. I PFAS sono stati trovati in forniture d'acqua in diversi Paesi europei.

Intorno agli impianti di fabbricazione e produzione di PFAS, come ad esempio Anversa in Belgio e Dordrecht nei Paesi Bassi, è stato scoperto un significativo inquinamento ambientale.

La maggior parte dell'inquinamento da PFAS nel sito di Anversa è causato dal PFOS, un cosiddetto PFAS "a catena lunga" che si accumula nell'uomo e in altri esseri viventi. Il PFOS è ora in gran parte vietato, ma, essendo così persistente, è ancora presente nell'ambiente.

I PFAS a "catena corta" sono stati utilizzati al posto di quelli a "catena lunga", in quanto si ritiene che questi ultimi si accumulino meno nell'uomo. Un esempio è il GenX, fonte di inquinamento nell'area circostante la fabbrica di Dordrecht, nei Paesi Bassi. È stato ora dimostrato che il GenX ha effetti negativi sulla salute al fegato e al sangue, nonché al cancro del fegato, del pancreas e dei testicoli. I PFAS a catena corta sono stati trovato in concentrazioni più elevate nel latte materno, è probabile che questi PFAS a catena corta provengano da prodotti per la cura della pelle e il trucco.

Il problema è che la legislazione non tiene il passo con la comprensione degli effetti delle nuove sostanze chimiche. Quando gli scienziati comprendono gli effetti dannosi di una sostanza chimica utilizzata dai produttori, questa viene semplicemente sostituita con un'altra. A quel punto la sostanza chimica è già diffusa nell'ambiente e, data la sua longevità, potrebbe continuare a essere presente nell'ambiente per molti anni a venire.

Nuovo metodo per distruggere le sostanze chimiche per sempre

Un nuovo metodo UV può distruggere i PFAS nell'acqua potabile.

Tuttavia, non è tutto rose e fiori. Gli scienziati si stanno impegnando per eliminare per sempre le sostanze chimiche dalla nostra vita. Un gruppo di ricerca del Università della Californiahanno sviluppato un metodo per scomporre le sostanze chimiche presenti per sempre nell'acqua potabile utilizzando la luce ultravioletta (UV).

I ricercatori hanno prima aggiunto idrogeno all'acqua per rendere i PFAS più reattivi. Poi hanno esposto l'acqua ai raggi UV ad alta energia, che favoriscono le reazioni di distruzione dei PFAS. Non solo vengono spezzati i legami problematici carbonio-fluoruro, ma le reazioni trasformano i PFAS in sottoprodotti ritenuti innocui.

Secondo la ricerca, quasi il 100 per cento dei PFAS sono stati distrutti. I ricercatori stanno ora lavorando per migliorare questa tecnologia, che è in attesa di brevetto, nella speranza che possa essere utilizzata più ampiamente.

Che cosa si sta facendo per le sostanze chimiche Forever?

Lentamente ma inesorabilmente, sempre più Paesi stanno adottando misure legislative per proteggere i cittadini dai PFAS. I PFAS sono stati limitati e vietati nell'UE. Alcuni Paesi hanno fissato limiti per i PFAS nell'acqua e nel suolo (Danimarca, Germania, Paesi Bassi e Svezia), per i tessuti (Norvegia) e per i materiali a contatto con gli alimenti (Danimarca).

Poiché i PFAS sono più di 4700, stanno iniziando a essere regolamentati come una classe di sostanze chimiche chimicamente simili invece che singolarmente.

Per raggiungere l'obiettivo dell'inquinamento zero, il ciclo di vita dei prodotti deve essere reso più sicuro fin dal momento della loro fabbricazione. Ciò si basa sull'idea di sicuro-e-circolare-da-design. Questa strategia consente di proteggere l'ambiente e la salute delle persone, promuovendo al contempo il commercio e la crescita economica.

Per saperne di più sul La strategia chimica dell'UE dal 2020 qui.

Se desiderate discutere con noi di uno qualsiasi dei contenuti qui presenti. Contattate.

Riferimenti e ulteriori letture

  1. https://www.eea.europa.eu/publications/zero-pollution/cross-cutting-stories/pfas
  2. https://www.eionet.europa.eu/etcs/etc-wmge/products/etc-wmge-reports/fluorinated-polymers-in-a-low-carbon-circular-and-toxic-free-economy
  3. https://www.hbm4eu.eu/wp-content/uploads/2022/06/HBM4EU_Policy-Brief-PFAS.pdf
  4. https://chemtrust.org/pfas_eu_packaging/
Potrebbe piacerti anche