Com'è Chernobyl oggi?

Ultimo aggiornamento il 24 aprile 2023 da Vita Ecologica

Chernobyl è una città dell'Ucraina situata a soli 90 chilometri a nord di Kiev. È nota per l'incidente nucleare avvenuto nel 1986, in cui il sistema di raffreddamento di uno dei reattori nucleari si guastò, provocando un'esplosione e una fuoriuscita di un'enorme quantità di radiazioni nell'area circostante, causando un'enorme perdita di vite umane ed effetti devastanti che si manifestano ancora oggi. In questo articolo esploreremo cosa è successo, perché è successo, l'impatto che ha avuto e come è Chernobyl oggi.

Cosa è successo nell'incidente di Chernobyl del 1986?

Il 26 aprile 1986 l'equipaggio del reattore fu esecuzione di test sul reattore 4 dell'unità di Chernobyl. Il reattore è stato progettato male dal punto di vista della sicurezza. Inoltre, l'equipaggio dei reattori non stava seguendo le corrette protocolli di sicurezzaanche se erano del tutto ignari di ciò che stava per accadere.

All'1:24 circaNell'impianto si sono verificate due esplosioni, una seguita direttamente da un'altra. Un operaio è rimasto ucciso direttamente nell'esplosione e un altro è morto per le ferite causate dall'esplosione poche ore dopo.

Il fumo, i prodotti radioattivi della fissione e i detriti del nocciolo del reattore si sono alzati in aria fino a un'altezza di 1 km. Nella centrale erano scoppiati diversi incendi e il nocciolo distrutto era esposto all'atmosfera. Oltre 100 pompieri sono stati chiamati sul posto. Gli elicotteri sono stati chiamati a sganciare materiale sul sito, 400 persone hanno lavorato instancabilmente per costruire un tunnel e installare una lastra di cemento per contenere le radiazioni sul sito.

Alla fine di luglio, 22 dipendenti dell'impianto e sei vigili del fuoco sono morti per avvelenamento acuto da radiazioni a causa del disastro. Gli effetti acuti della malattia da radiazioni includono febbre, nausea e vomito, diarrea e persino convulsioni e coma. La durata di questa grave fase della malattia può variare da poche ore a diversi mesi.

A seguito del disastro, per quasi 10 giorni furono rilasciate nell'aria grandi quantità di materiali radioattivi. Si è trattato della più grande fuga radioattiva incontrollata nell'ambiente mai documentata per un'operazione civile. Migliaia di persone avrebbero potuto ammalarsi di radiazioni se non fossero state prese misure drastiche.

Il giorno successivo all'esplosione, il 27 aprile, la città di Pripyat, che gestiva l'impianto, è stata evacuata (circa 45.000 residenti). Il 14 maggio, circa 116.000 residenti in un raggio di 30 km erano stati evacuati e successivamente trasferiti. Negli anni successivi all'incidente, altre 220.000 persone sono state trasferite in aree meno contaminate.

Conseguenze a lungo termine sulla salute dell'incidente di Chernobyl

Principali vie ambientali di esposizione umana alle radiazioni durante e dopo l'incidente di Chernobyl

Inizialmente si pensava che l'incidente di Chernobyl avrebbe portato a un enorme aumento dei tassi di cancro e dei difetti alla nascita. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha espresso per la prima volta nel 1989 la preoccupazione che gli scienziati medici locali avessero erroneamente collegato l'esposizione alle radiazioni a una serie di problemi biologici e sanitari non correlati. Il Forum di Chernobyl, istituito dall'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) e che collabora con le Nazioni Unite e l'OMS, è stato incaricato di rivedere e approvare i rapporti preparati sull'incidente. Le loro conclusioni sono state:

A parte questo aumento [del cancro alla tiroide], non ci sono prove di un impatto importante sulla salute pubblica attribuibile all'esposizione alle radiazioni 14 anni dopo l'incidente. Non ci sono prove scientifiche di aumenti dell'incidenza complessiva del cancro o della mortalità per patologie non maligne che possano essere correlate all'esposizione alle radiazioni.

L'eredità di Chernobyl: impatti sanitari, ambientali e socioeconomici e raccomandazioni ai governi della Bielorussia, della Federazione Russa e dell'Ucraina, Il Forum di Chernobyl: 2003-2005, Seconda versione rivista

Il rapporto ha stimato che negli anni 1991-2015 sono stati diagnosticati 20.000 casi di cancro alla tiroide e 5000 erano "probabilmente" dovuti all'assunzione di radiazioni elevate, ma il margine di incertezza era piuttosto alto. Se diagnosticato e trattato precocemente, il cancro alla tiroide non è in genere mortale. Di tutti questi casi solo 15 si è rivelato fatale.

Ciò che forse è stato più devastante è stato il danni psicologici causati dall'incidente. Molti individui credevano di essere condannati a morire di cancro e si sono dati all'alcol e all'abuso di sostanze.

Ciò che è ancora più sconvolgente è il numero di aborti che si sono verificati in quel periodo, a causa di un'errata convinzione da parte dei medici che i bambini potessero nascere deformi, anche se i livelli di radiazioni erano molto al di sotto di quelli che potevano causare deformità. È stato stimato che, a causa di questa errata convinzione, in Unione Sovietica e in Europa si sono verificati 1 milione di aborti dopo l'incidente di Chernobyl.

Che aspetto ha l'ambiente di Chernobyl?

Foreste

L'emivita di un materiale radioattivo è il tempo necessario affinché la metà della quantità di materiale inizialmente presente decada. Poiché molti dei radioisotopi più significativi hanno emivite brevi, che vanno da ore a giorni, la maggior parte dei radioisotopi è decaduta da tempo. Il cesio 137 sarà il contaminante più significativo per diversi decenni, seguito dallo stronzio 90. A basse concentrazioni, il plutonio è un elemento che può essere considerato come una minaccia. A basse concentrazioni, il plutonio e i suoi prodotti di decadimento, in particolare l'americio-241, rimarranno nell'ambiente per centinaia o migliaia di anni.

I livelli più elevati di cesio-137 sono stati riscontrati nei prodotti alimentari della foresta. In seguito all'incidente, la vegetazione e gli animali delle foreste e delle montagne hanno dimostrato un assorbimento eccezionalmente elevato di cesio radioattivo. Ciò è dovuto al persistente riciclo del cesio radioattivo, in particolare negli ecosistemi forestali.

Acqua

L'elevata radioattività dell'acqua potabile del bacino di Kiev ha destato particolare preoccupazione nei primi giorni successivi all'incidente.

I livelli di radioattività nei corpi idrici sono scesi rapidamente nelle settimane successive al fallout a causa della diluizione, del decadimento fisico e dell'assorbimento radioattivo nei suoli dei bacini idrografici. La radioattività ha un significativo assorbimento a lungo termine nei sedimenti del letto.

Mentre i livelli di cesio-137 e stronzio-90 nell'acqua e nei pesci dei fiumi, dei laghi aperti e dei bacini artificiali sono attualmente bassi, l'acqua e i pesci di alcuni laghi "chiusi" in Bielorussia, Russia e Ucraina, privi di corsi d'acqua di deflusso, continueranno a essere contaminati da cesio-137 per decenni.

Piante e animali

All'interno della zona di esclusione di 30 km la morte cellulare indotta dalle radiazioni ha portato a quanto segue:

  • Mortalità più elevata di piante di conifere, invertebrati del suolo e mammiferi
  • Perdite riproduttive in piante e animali

Sono state osservate mutazioni genetiche in piante e animali che vivono nell'area di Chernobyl, ma in genere hanno lo stesso aspetto delle loro controparti non mutanti. Le ricerche sono ancora in corso per capire come questi cambiamenti genetici influenzino la sopravvivenza di queste creature. Ironia della sorte, a causa della mancanza di attività umane nella zona di esclusione, quest'ultima ha visto un boom di attività della fauna selvatica ed è diventata un santuario della biodiversità come nessun altro.

Sean Gallup, Getty Images

Qual è la situazione attuale a Chernobyl?

Le forze russe hanno preso il controllo di tutti gli impianti nucleari di Chernobyl il 24 febbraio 2022. I livelli di radiazioni gamma erano elevati. Ciò era probabilmente dovuto alla "perturbazione dello strato superiore del suolo dovuta al movimento di un gran numero di macchinari militari pesanti attraverso la zona di esclusione e all'aumento dell'inquinamento atmosferico". L'AIEA ha stabilito che le letture delle radiazioni del sito erano basse e in linea con i livelli di fondo vicini.

Fino alla recente occupazione russa, Chernobyl e la città adiacente Pripyat erano prive di vita umana. La centrale nucleare e la città ci ricordano l'importanza della salute e della sicurezza e i pericoli che l'umanità corre se non gestiamo tecnologie come l'energia nucleare con la massima responsabilità e attenzione.

Speriamo che l'umanità riesca a tenerlo a mente quando gestisce le armi nucleari e affronta il cambiamento climatico. Il tempo ci dirà se l'umanità è ancora abbastanza matura per garantire la sopravvivenza sua e dei suoi abitanti su questo pianeta.

Potrebbe piacerti anche