È giusto dare ormoni alle mucche? Credito: Pixabay

Ormoni nella carne e nei latticini

Ultimo aggiornamento il 1 giugno 2023 da Vita Ecologica

L'UE è l'unico paese in cui è vietato l'uso di ormoni per aumentare la produzione di carne e latte degli animali. L'applicazione di ormoni nella produzione di animali da allevamento è un argomento controverso che viene dibattuto da decenni.

Perché dare ormoni agli animali da allevamento?

Gli ormoni sono sostanze naturali prodotte dall'organismo che svolgono un ruolo importante nella regolazione della crescita, dello sviluppo e del metabolismo. Gli agricoltori possono utilizzare ormoni naturali o sintetici per diversi motivi:

  1. Per curare gli animali malati.
  2. Per il trattamento dei disturbi riproduttivi (con ormoni sessuali)
  3. Per aumentare il tasso di crescita, la massa muscolare e l'apporto di latte.

Gli ormoni sono tipicamente somministrati tramite iniezioni, impianti o additivi per mangimi. Alcuni degli ormoni più utilizzati negli allevamenti sono l'estradiolo, il progesterone, il testosterone e lo zeranolo.

Perché l'UE ha proibito gli ormoni per gli animali da allevamento?

L'UE ha vietato l'importazione di carne bovina trattata con ormoni nel 1989 a causa delle preoccupazioni legate agli ormoni utilizzati.

Questa decisione è stata contestata dagli Stati Uniti e dal Canada, che avevano precedentemente approvato l'uso di ormoni della crescita nella carne bovina. Il Canada e gli Stati Uniti hanno portato l'UE davanti all'organo di risoluzione delle controversie dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC). L'OMC consente di vietare le importazioni per motivi sanitari se esistono prove scientifiche che lo giustifichino. Nel 1997, l'organo di risoluzione delle controversie dell'OMC si è pronunciato contro l'UE.

Nel 1999 i rischi per la salute umana derivanti dai residui di ormoni nella carne bovina e in altri prodotti a base di carne sono stati rivalutati da un organismo scientifico consultivo indipendente, il Comitato scientifico per le misure veterinarie in relazione alla salute pubblica (CSMVSP). Il CSMVSP concluso che non esiste una dose giornaliera accettabile (DGA) per nessuno dei sei ormoni della crescita analizzati (tra cui estradiolo, progesterone, testosterone e zeranolo).

Inoltre, il CSMVSP ha concluso che esistono prove significative del fatto che l'estradiolo è un cancerogeno completo (effetti che causano e promuovono i tumori). Il CSMVSP ha corroborato queste affermazioni con ulteriori prove nel 2000 e nel 2002.

Sulla base di queste prove, l'UE vieta ancora l'uso di sostanze ormonali per promuovere la crescita degli animali da allevamento. L'estradiolo può essere utilizzato nell'UE solo per il trattamento dei bovini e solo sotto stretto controllo veterinario. Dal 2005, la Commissione europea ha presentato alternative all'estradiolo per il trattamento dei bovini e continua a esaminare ogni nuova evidenza scientifica sull'argomento.

Cronologia degli ormoni utilizzati nell'industria della carne e dei latticini negli USA e nell'UE
Cronologia degli ormoni della crescita utilizzati negli Stati Uniti (sopra la linea) e nell'UE (sotto la linea). Fonte:https://www.tandfonline.com/doi/figure/10.1080/09712119.2022.2089149?scroll=top&needAccess=true&role=tab

Gli effetti degli ormoni nella carne e nei latticini sull'uomo

Purtroppo, la comunità scientifica è ancora divisa sul fatto che gli ormoni nella carne abbiano effetti sull'uomo e sulla sicurezza alimentare.

L'ormone della crescita bovina (BGH) è comunemente utilizzato negli Stati Uniti. Stimola il rilascio del fattore di crescita insulino-simile 1 che aumenta la produzione di latte nelle mucche. L'IGF-1 è resistente alla pastorizzazione e quindi può essere presente in alti livelli nel latte. Alcune ricerche hanno associato livelli più elevati di IGF-1 nell'uomo a tumori della prostata, della mammella, del colon-retto e del polmone.

Inoltre, gli ormoni possono alterare il sistema endocrino, causando problemi riproduttivi e di sviluppo. Esiste preoccupazione che questi ormoni presenti nella carne possano disturbare il sistema endocrino nell'uomo, ma questo è contestato.

Gli effetti degli ormoni negli alimenti sugli animali e sull'ambiente

Un'altra preoccupazione è la possibilità che gli ormoni causino problemi di benessere degli animali. Gli ormoni possono far sì che gli animali crescano più velocemente di quanto il loro corpo sia in grado di gestire, portando a problemi scheletrici e articolari. Altri effetti collaterali può includere dolore alla vipera, febbre e depressione.

Ci sono anche preoccupazioni per il potenziale impatto ambientale dell'applicazione di ormoni nella produzione di animali da allevamento. Gli ormoni utilizzati per la produzione di carne bovina possono penetrare nell'ambiente e contaminare le fonti d'acqua. Ciò può portare alla contaminazione dell'acqua potabile e all'alterazione degli ecosistemi naturali.

Gli estrogeni, ad esempio, possono avere effetti forti su pesci e anfibi. Gli ormoni sintetici tendono a rimanere nell'ambiente più a lungo delle loro controparti naturali.

I benefici degli alimenti biologici

Nell'UE, per alimenti biologici e non biologici si intende che gli ormoni non sono stati coinvolti nella produzione degli alimenti. Tuttavia, i prodotti biologici possono avere effettivi benefici per la salute.

Secondo studiIl latte biologico ha una percentuale leggermente superiore di acidi grassi omega 3 e 6, oltre che di vitamina E e ferro. Ricerca ha dimostrato che le persone che consumano prodotti biologici per un lungo periodo di tempo possono avere una minore incidenza di infertilità, difetti alla nascita, allergie, IMC elevato e linfoma non Hodgkin (cancro). Uno dei motivi è che gli alimenti biologici non contengono residui di pesticidi.

Inoltre, l'agricoltura biologica può essere migliore per l'ambiente perché emette meno gas serra e inquina meno della sua agricoltura convenzionale. Per maggiori informazioni leggete il nostro guida agli alimenti biologici

Potrebbe piacerti anche