Smettete di bere il tè dalle bustine! Hanno la plastica

Ultimo aggiornamento il 26 maggio 2023 da Vita Ecologica

Purtroppo, è molto probabile che le bustine di tè utilizzate contengano almeno un po' di plastica. Ogni volta che si prepara una tazza di tè, l'acqua calda può rilasciare milioni di microplastica particelle nel tè e poi in voi.

In questo articolo vedremo perché la maggior parte delle bustine di tè contiene plastica e quali sono le alternative disponibili se volete bere il tè ma non volete la plastica indesiderata nel vostro infuso.

Il sangue umano può contenere elevate quantità di microplastiche

Siete sicuri che la mia bustina di tè sia di plastica?

Noi di Ecologica.life preferiremmo essere portatori di buone notizie, ma purtroppo sì. Possiamo dire che c'è un'alta probabilità che la vostra bustina di tè contenga plastica.

Questo non è vero per Ogni marca di bustine di tè, ma è vero per la maggior parte delle bustine di tè attualmente in commercio.

Anche se la bustina di tè può sembrare di carta, è probabile che sia di plastica.

Tipi di bustine di tè

Bustine di tè pressate (termosaldate)

Foto di una bustina di tè termosaldata o pressata

Si tratta delle tipiche bustine di plastica quadrate, rettangolari o, a volte, circolari, con bordi accartocciati o pressati su tutti i lati.

La carta non si attacca da sola; i due diversi strati di carta devono aderire per trattenere le foglie di tè all'interno. Gli strati sono sigillati insieme con la plastica, non con la colla. Se si trattasse di colla, la colla si scioglierebbe nel tè!

La plastica utilizzata per sigillare gli strati è solitamente polipropilene, ma può essere una miscela di polietilene e un copolimero di polietilene. Questa plastica viene intrecciata tra le fibre di carta e si scioglie quando viene riscaldata per sigillare la bustina di tè.

In genere, queste bustine di tè contengono 20-30% polipropilene.

Inoltre, alcune aziende scelgono di aggiungere una sostanza chiamata epicloridrina alle bustine di carta per evitare che si strappino. Questa sostanza è classificata come possibile cancerogeno per l'uomo (agente cancerogeno). È anche noto che reagisce con l'acqua per ottenere il 3-MCPD, un altro possibile cancerogeno.

Bustine di seta

Nonostante il nome, le bustine di seta sono in realtà fatte di plastica. Le bustine di seta hanno solitamente una forma piramidale perché le fibre sono intrecciate per dare loro l'aspetto di un tessuto.

Queste bustine da tè sono realizzate in plastica derivata da combustibili fossili (spesso nylon o PET, la stessa che si usa per le bustine da tè). plastica utilizzata per la produzione di bottiglie per bevande) o di plastica di origine vegetale (PLA o acido polilattico, solitamente derivato dal mais o da altri amidi vegetali).

Si potrebbe pensare che la plastica di origine vegetale vada bene, che sia naturale. Purtroppo, ricerca ha dimostrato che anche le plastiche a base biologica come il PLA possono essere tossiche. Per saperne di più sulle plastiche a base vegetale, consultare il documento il nostro articolo.

Ricerca ha inoltre dimostrato che, alla temperatura di fermentazione, una di queste bustine di seta rilascia ben 11 miliardi di particelle microplastiche e 3 miliardi di particelle nanoplastiche. Se siete preoccupati per le microplastiche, date un'occhiata al nostro articolo: Consigli per evitare le microplastiche

Bustine di tè con filo e etichetta

Una foto di una bustina di tè string-and-tag
Fonte: Coppa di coppia/Pexels

Queste bustine sono chiuse mediante piegatura e cucitura o pinzatura, anziché mediante termosaldatura. Ciò significa che la carta da filtro utilizzata per produrle non deve contenere fibre di polimeri plastici.

Tuttavia, molti produttori di bustine da tè (compresi quelli di bustine biologiche) scelgono ancora di rinforzare la carta con la plastica (fibre di polipropilene).

Inoltre, alcune aziende arricciano le bustine di tè in questa forma e poi attaccano lo spago. L'arricciatura è il segno rivelatore che la bustina contiene plastica. Lo spago è solitamente incollato, piuttosto che cucito. Anche se viene cucito, è possibile che la plastica venga comunque arricciata.

Le bustine di carta pura hanno maggiori probabilità di strapparsi e cadere a pezzi se lasciate in infusione in una tazza di tè. Probabilmente la bustina di tè contiene alcune fibre di plastica che la rendono più resistente.

Questo breve clip di un documentario della BBC2 vi farà sicuramente aprire gli occhi se siete interessati a come vengono prodotte le bustine di tè.

Marche con e senza plastica nelle bustine da tè

Poiché il pubblico di Ecologica.life è distribuito in tutto il mondo, non possiamo fornire un elenco completo che copra tutti i nostri spettatori. Di seguito abbiamo elencato alcuni marchi che si sono impegnati a non utilizzare la plastica nelle loro bustine da tè e altri che non lo hanno fatto.

Alcune marche che si sono impegnate a realizzare bustine di tè prive di plastica

Si tratta di bustine di tè con stringa e etichetta, ma verificate con il produttore perché molte marche contengono ancora plastica. Queste informazioni si basano sulle nostre ricerche e possono essere cambiate dopo la pubblicazione..

  • Tè Higher Living
  • I tè Pukka sono realizzati con una miscela di abaca naturale (banana), polpa di legno e fibre di cellulosa (anche se le buste sono di plastica).

Molti marchi che dichiarano che le loro bustine di tè sono "plastic free" in realtà utilizzano plastica di origine vegetale.

Se volete davvero scegliere una bustina di tè senza plastica, state alla larga da tutto ciò che è etichettato come bioplastica, plastica a base vegetale o amido di mais (PLA), poiché la bioplastica è comunque plastica (anche se è etichettata come biodegradabile o compostabile).

Alcune marche che possono avere plastica

Queste informazioni si basano sulle nostre ricerche e possono essere cambiate dopo la pubblicazione..

  • Il marchio Abel & Cole utilizza bioplastica ricavata dall'amido di mais (PE biodegradabile e oxo-biodegradabile).
  • Marchio proprio Aldi.
  • Marchio proprio Asda.
  • Bradley's (Ecologica.life li ha contattati per chiedere informazioni e vi aggiornerà qui sulla risposta).
  • Clipper, le sue bustine di tè pressate contengono bioplastica PLA.
  • Il marchio 99 di Co-op utilizza bioplastica (PLA).
  • Marchio proprio Lidl.
  • PG tips utilizza materiali biodegradabili materiali a base vegetale per le loro bustine di tè, ma non sappiamo ancora esattamente quali.
  • Marchio proprio Sainsbury bioplastica utilizzata (PLA).
  • Teapigs utilizzare la bioplastica (PLA).
  • Marchio proprio Tesco.
  • Tetley.
  • Twinings usa PP o PLA.
  • Marchio Waitrose. Le bustine per la caffeina contengono PLA, mentre quelle per il decaffeinato contengono un po' di plastica.
  • Tè dello Yorkshire.

Alternative

Se non vedete la vostra marca di bustine di tè preferita elencata qui, forse è il caso di contattarla direttamente e chiedere. Nel frattempo, se volete ancora bere il tè senza chiedervi se state ricevendo plastica in più, ci sono alcune alternative:

Tè in foglie sfuso

Oggi il modo più comune di preparare una tazza di tè è con le bustine, ma fino agli anni '50 non era così. Tuttavia, è possibile ottenere una tazza di tè senza plastica utilizzando il tradizionale tè a foglie sciolte.

L'acquisto di tè sfuso evita il problema della sigillatura delle bustine di plastica e crea complessivamente meno imballaggi, contribuendo a ridurre l'impronta di carbonio. Inoltre, il tè stesso tende a essere meno lavorato e a conservare il suo sapore naturale.

Tisana integrale

Alcuni caffè hanno iniziato a offrire tisane intere. Invece di usare le foglie, si usa l'erba intera. Questo è un caso frequente nei Paesi Bassi, dove viene offerto il tè alla menta fresca. Come il tè in foglie sfuse, ha i vantaggi di non avere plastica, di essere lavorato molto meno e di avere un ottimo sapore.

Come posso smaltire la mia bustina di tè?

Se utilizzate bustine di tè o tè in foglie sfuso completamente privi di plastica, potete smaltirli nel vostro compost domestico per il vostro giardino sostenibile. Purtroppo, anche se la bustina di tè dichiara di essere biodegradabile, se contiene plastica o bioplastica non sarà compostabile in casa. Questo perché sono necessarie determinate condizioni (temperatura, pressione, presenza di microbi) per biodegradare questi materiali.

È quindi necessario verificare con il sistema di riciclaggio locale se esiste un contenitore separato per i rifiuti biodegradabili. In caso contrario, dovrete smaltirli nel vostro bidone dei rifiuti generici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche