Una foto di Kiev, Ucraina, prima della guerra del 2022
Kyiv, Ucraina prima della guerra. Credito: Oleksandr Pidvalnyi/Pexels

Giustizia ambientale e futuro dell'Ucraina

Ultimo aggiornamento il 1 giugno 2023 da Vita Ecologica

La guerra in Ucraina è giunta al suo secondo anno. Le perdite di vite umane sono state devastanti da entrambe le parti. La guerra ha provocato decine di migliaia di morti, milioni di sfollati e danni ambientali estesi.

Il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) e i suoi partner stanno monitorando la crisi in Ucraina dall'anno scorso e hanno trovato prove di un'eredità dannosa che colpirà le generazioni presenti e future.

Le vittime non menzionate della guerra

L'ambiente è di solito l'ultima vittima della guerra. Ricerca ha dimostrato che la guerra ha un impatto negativo duraturo sull'ambiente. In Belgio, nei pressi di Ypres, il suolo contiene ancora più di 2.000 tonnellate di rame provenienti dalla Prima Guerra Mondiale. Naufragi in tempo di guerra hanno dimostrato di avere effetti sulla vita acquatica. Nel 2018, più di 3000 persone morte a Kabul da malattie legate a inquinamento atmosferico causati dalla Rivoluzione di Saur.

Immagini satellitari che mostrano il porto di Berdiansk in Ucraina prima dell'incendio Immagine satellitare che mostra il porto di Berdinask in Ucraina dopo l'incendio
Immagini prima e dopo l'incendio nel porto di Berdinask, nel sud dell'Ucraina, marzo 2022. ©Laboratori del pianeta PBC, CC BY-NC-SA 2.0

Un anno di combattimenti in Ucraina ha lasciato profonde ferite nel paesaggio naturale e negli ecosistemi del Paese. Vaste aree di terreni agricoli, foreste e parchi nazionali sono state devastate dal conflitto.

Sono stati danneggiati anche molti edifici industriali, magazzini e fabbriche, alcuni dei quali contenevano una varietà di materiali pericolosi per la salute umana, come solventi, ammoniaca e plastica.

L'aria e l'acqua dell'Ucraina sono state segnalate come gravemente inquinato rispetto ai livelli precedenti al 2022. Questo inquinamento avrà impatti negativi a breve e lungo termine sulla salute della popolazione ucraina.

Avrà anche un impatto ambientale più ampio sul cambiamento climatico globale, in un momento in cui l'Europa e il mondo stanno cercando di ridurre la loro impronta di carbonio per non superare il limite di 1,5ºC fissato dall'Accordo di Parigi. Un accordo che stiamo ancora lottando per rispettare se vogliamo evitare gravi conseguenze ambientali.

La centrale nucleare più grande d'Europa, Zaporizhzhia, viene regolarmente bombardata, sollevando la possibilità di una catastrofe nucleare in un paese con ricordi vividi del Chernobyl incidente nucleare.

Immagine satellitare che mostra i bombardamenti vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia
Immagine satellitare che mostra i bombardamenti vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, agosto 2022. ©Laboratori del pianeta PBC, CC BY-NC-SA 2.0

Il rischio di un incidente nucleare potrebbe essere aggravato dalla recente affermazione di Putin di voler dispiegare armi nucleari in Bielorussia. Anche se la NATO ha liquidato questa notizia come una tattica allarmistica, in quanto gli Stati Uniti non hanno visto alcun movimento di armi nucleari nella regione bielorussa e, in ogni caso, il raggio d'azione delle armi nucleari nell'arsenale russo significa che non è necessario che siano dispiegate in Bielorussia per poterle usare.

Tra le fonti di inquinamento delle acque vi sono le miniere di carbone abbandonate, molte delle quali si trovano nella regione di Donbas. Una miniera non può essere definitivamente abbandonata una volta chiusa. C'è ancora del lavoro da fare, come il continuo pompaggio dell'acqua per evitare che metalli pesanti come mercurio, piombo e arsenico contaminino i serbatoi.

Già da prima dell'inizio della guerra, il La gestione di queste miniere è stata limitataI separatisti filorussi non hanno la motivazione e le risorse per effettuare la manutenzione necessaria. Di conseguenza, le miniere sono abbandonate e allagate, inquinando l'acqua che dovrebbe essere usata per l'agricoltura e per bere.

Come vengono valutati i costi ecologici?

Secondo il governo ucraino, l'Ucraina ha subito più di 48 miliardi di euro di danni ambientali dall'inizio della guerra. Ciò include la contaminazione dovuta al bombardamento di migliaia di strutture contenenti materiali tossici e pericolosi, nonché i danni alla qualità dell'aria, delle foreste, del suolo e dell'acqua. Sono comprese anche le contaminazioni da armi e munizioni.

Tuttavia, alcuni costi ambientali sono difficili da quantificare, come la perdita di specie e di interi ecosistemi. L'Ucraina ospita 35% della biodiversità europea, ma questa potrebbe ridursi significativamente dopo la guerra, poiché la fauna selvatica viene uccisa dai bombardamenti e dagli incendi. Anche la mancanza di cibo e acqua potabile è un problema per molte specie.

Il governo ucraino avrebbe documentato oltre 2.300 casi di danni ambientali e intende utilizzare queste prove per ritenere Mosca responsabile dei costi economici dell'inquinamento.

Il governo ucraino sta anche ricevendo assistenza dall'UNEP per effettuare valutazioni d'impatto sul campo - un compito non facile, data l'entità e la dispersione dei danni. L'UNEP fornisce una mappa sul suo sito web che mostra le conseguenze ambientali documentate e i rischi dei combattimenti in Ucraina.

In una speciale task force guidata dall'ispettorato ecologico statale ucraino, circa 100 persone stanno raccogliendo prove dei danni ambientali causati dalla Russia. Quando possibile, si recano nelle aree inquinate per raccogliere campioni e fornire foto, video e dati satellitari.

Oltre all'Ispettorato ecologico dell'Ucraina, anche diverse ONG (organizzazioni non governative) come PAX si sono attivate per monitorare l'impatto ambientale del conflitto, con l'obiettivo di fornire informazioni a organizzazioni globali come il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, per aiutarle a identificare le regioni ad alto rischio di inquinamento e contaminazione.

Il governo ha anche lanciato un'applicazione mobile chiamata EcoZagroza, che si traduce come "minaccia ambientale", che consente a chiunque di pubblicare foto e video dei danni ambientali che ha visto. L'applicazione fornisce anche dati e statistiche sulla qualità dell'aria, sull'esposizione alle radiazioni e su altri fattori di salute ambientale.

L'Ucraina ha poche vie legali a disposizione per portare avanti i casi che sta compilando.

L'Ucraina intende utilizzare i propri tribunali per perseguire i militari russi per crimini ambientali. La distruzione deliberata e sistematica degli ecosistemi è chiamata ecocidio ed è un reato in Ucraina.

Ma può essere difficile provare che un attacco sia stato un ecocidio, perché bisogna dimostrare che c'era l'intenzione di causare un danno ambientale.

L'Ucraina non può ricorrere alla Corte Penale Internazionale (CPI) per far valere il proprio caso di danno ambientale, in quanto la Corte non si occupa di crimini ambientali e non riconosce il reato di ecocidio, nonostante la spinta dai Paesi occidentali per ampliare il mandato del tribunale. Tuttavia, la CPI ha emesso un mandato di arresto per il Presidente Putin per crimini di guerra, ma è improbabile che Putin affronti mai un processo per i crimini di cui è accusato.

Il futuro dell'Ucraina

Il futuro dell'Ucraina è ancora in bilico, con esperti militari secondo cui l'offensiva russa sta rallentando e che la controffensiva ucraina in primavera potrebbe essere il fattore decisivo per l'esito della guerra.

Indipendentemente da come o quando finirà la guerra, sarà necessaria un'analisi completa dell'impatto complessivo della guerra per stabilire le priorità e fornire una base per organizzare il risanamento, la riabilitazione e la ricostruzione.

La riparazione delle infrastrutture e degli edifici danneggiati consumerà enormi quantità di risorse e potrebbe emettere grandi quantità di gas serra e altri inquinanti. Anche questo aspetto deve essere incluso nel computo dei costi ambientali.

Se si "ricostruisce meglio", o almeno si utilizzano i principi del clima, della biodiversità e dell'economia circolare per determinare cosa, come e con cosa costruire, questi costi possono almeno essere ridotti e il futuro dell'Ucraina potrebbe essere marginalmente più verde di prima dell'inizio della guerra.

Anche dopo la fine della guerra, in molte aree del Paese permarrà un grave inquinamento del suolo, dell'acqua e dell'aria. Gli edifici distrutti possono continuare a rilasciare polveri cancerogene anche molto tempo dopo la loro distruzione.

La vita nei fiumi e in altri corpi idrici viene spazzata via dai metalli pesanti e dagli inquinanti che contaminano i corsi d'acqua sotterranei e le riserve idriche. I terreni nelle aree di conflitto armato diventano inadatti all'agricoltura perché le piante assorbono e accumulano i contaminanti. Si stima che le munizioni impiegano 100-300 anni per degradarsi nell'ambiente.

Sarà estremamente difficile decontaminare le aree fortemente contaminate e rimuovere i detriti della zona di guerra, che dovranno poi essere smaltiti in modo sicuro. Questo compito gravoso potrà iniziare solo quando il conflitto sarà terminato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche