Milioni di microplastiche fuoriescono dai biberon

Ultimo aggiornamento il 25 maggio 2023 da Vita Ecologica

Questa è la storia di come la vita di un ingegnere sia stata stravolta. Ogni giorno Dunzhu Li metteva nel microonde il contenitore di plastica in cui portava il cibo. Tuttavia, Li, ingegnere ambientale, ha smesso di farlo quando, insieme ai suoi colleghi, ha fatto una scoperta sorprendente: i contenitori di plastica per alimenti rilasciano nell'acqua calda un'enorme quantità di minuscoli granelli, le microplastiche. "Siamo rimasti scioccati", racconta Li.

Secondo Li e altri ricercatori del Trinity College di Dublino, anche i biberon e i bollitori diffondono microplastiche. Gli scienziati hanno stabilito che se i genitori preparano il latte artificiale mescolandolo con acqua calda all'interno di un biberon di plastica, il loro bambino può finire per ingerire più di un milione di particelle di microplastica al giorno.

Prodotti a base di polipropilene: Contenitori per alimenti, biberon e altro

Sebbene i prodotti in polipropilene siano spesso utilizzati per preparare e conservare gli alimenti, la loro capacità di rilasciare microplastiche è poco conosciuta. La maggior parte delle bottiglie di plastica utilizzate in tutto il mondo sono realizzate in polipropilene.

Lo studio pubblicato su natura nel 2020 ha scoperto che i biberon in polipropilene - utilizzati nella plastica standard - possono rilasciare milioni di particelle di microplastica quando vengono riscaldati o scossi. I ricercatori hanno imitato le fasi di preparazione del latte artificiale da parte dei genitori, seguendo le tecniche di pulizia, sterilizzazione e miscelazione raccomandate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Hanno poi misurato la quantità di particelle di microplastica presenti nel liquido.

I ricercatori hanno analizzato la potenziale esposizione alle microplastiche per i neonati derivante dal latte artificiale preparato nei biberon. I risultati mostrano che i biberon di plastica rilasciano fino a 16 milioni di particelle di plastica per litro (o quattro milioni per 25cl) e che la sterilizzazione e l'esposizione all'acqua ad alta temperatura aumentano significativamente la perdita di microplastica.

I ricercatori hanno esaminato 48 regioni del mondo e hanno scoperto che i biberon rilasciano quantità di particelle di plastica molto più elevate di quanto si pensasse in precedenza, soprattutto in Nord America e in Europa, dove i biberon di plastica sono i preferiti.

Purtroppo, gli effetti sulla salute di questo inquinamento da microplastica sono ancora sconosciuti, tuttavia ricerca effettuate su animali acquatici e topi dimostrano che le microplastiche possono avere profondi effetti negativi sulla salute. I ricercatori dello studio sui biberon di plastica sottolineano l'urgente necessità di scoprire se questo livello di microplastiche danneggia la salute dei bambini.

Cosa possono fare i genitori

Gli autori del nuovo studio suggeriscono di scuotere e riscaldare la bottiglia di plastica il meno possibile. In questo modo si riduce il numero di microplastiche ingerite dal bambino. I quattro passi principali per farlo sono:

  • Sciacquare i biberon sterilizzati in acqua fresca e sterile per rimuovere eventuali microplastiche fuoriuscite.
  • Preparare sempre la formula in contenitori non di plastica.
  • Una volta raffreddata a temperatura ambiente, trasferire la formula nel biberon raffreddato e sterilizzato.
  • Evitare di riscaldare la formula preparata in contenitori di plastica, soprattutto nel forno a microonde, che può generare "micro sacche" di liquido surriscaldato.

Un'altra soluzione più semplice è quella di passare al vetro o all'acciaio inox. In questo modo si riduce notevolmente la quantità di particelle di plastica con cui il bambino entra in contatto.

Se i genitori decidono di scegliere la plastica, dovrebbero lavare i biberon a mano piuttosto che metterli in lavastoviglie. L'usura causata dal lavaggio in lavatrice con prodotti chimici caldi e aggressivi può contribuire alla rottura dei polimeri di plastica.

Purtroppo le microplastiche sono ovunque, in gli oceani, in il nostro sangue e anche gli animali da allevamento vengono nutriti con plastica (legalmente). l'inquinamento da microplastica si sta diffondendo senza controllo. Il modo migliore per combatterlo è quello di ridurre l'uso della plastica e di farne a meno quando possibile. Per alcuni potrebbe essere difficile, perché la plastica è ovunque ed è così comoda. Tuttavia, resta il fatto che meno plastica utilizziamo, minore sarà l'esposizione all'inquinamento da microplastica. Si tratta di un passo necessario per tendere a un futuro più sano e felice per il mondo e la nostra specie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leave the field below empty!

Potrebbe piacerti anche