La plastica biodegradabile è un mito?

Ultimo aggiornamento il 28 luglio 2023 da Vita Ecologica

Il mondo produce oltre 380 milioni di tonnellate di plastica ogni anno. Una parte significativa di questo materiale finisce come rifiuto. Meno del 9% di tutta la plastica viene riciclata. Il resto viene incenerito, finisce nell'oceano o viene sotterrato. Ciò evidenzia la gravità del problema dell'inquinamento da plastica.

A seconda del luogo in cui vivete, potreste scoprire che i sacchetti di plastica nella corsia della frutta sono biodegradabili o compostabili. Purtroppo, questi termini potrebbero non avere il significato che pensate.

La biodegradabilità non risolve l'inquinamento da plastica e la compostabilità non significa che sia adatta al vostro giardino.

In questo articolo esploreremo i fatti e i miti che circondano la plastica biodegradabile.

Bioplastiche, biobased e biodegradabili

Per parlare di plastiche biodegradabili, dobbiamo prima discutere alcuni altri termini:

Bioplastica - Le bioplastiche possono essere suddivise in tre categorie: a base fossile (biodegradabili), a base biologica (biodegradabili e non biodegradabili). Bioplastica è quindi un termine che crea confusione e, quando lo si vede scritto sulle confezioni, va trattato con cautela.

Plastica a base biologica - si riferisce alle fonti rinnovabili utilizzate per produrre la plastica. Ad esempio, la lavorazione della canna da zucchero crea etilene. Questo viene poi utilizzato per produrre prodotti non biodegradabili come il polietilene (PE).

La lavorazione dell'amido può produrre acido lattico e quindi acido polilattico (PLA), che è biodegradabile. Le proprietà delle plastiche a base biologica possono variare notevolmente da un materiale all'altro.

Plastica biodegradabile - Può essere plastica biobased o a base fossile. La plastica biodegradabile si riferisce alla plastica che si decompone per azione biologica (spesso microbica). Alcune plastiche biodegradabili - ma non tutte - sono compostabili, ovvero si decompongono in condizioni controllate.

Grafico che mostra le differenze tra le bioplastiche. Non tutte le bioplastiche a base biologica sono biodegradabili e alcune bioplastiche a base di combustibili fossili sono biodegradabili.
Non tutte le bioplastiche a base biologica sono biodegradabili e non tutte le plastiche a base di combustibili fossili sono non biodegradabili. Fonte: https://docs.european-bioplastics.org/publications/fs/EuBP_FS_What_are_bioplastics.pdf

Quali sono i problemi delle plastiche biodegradabili?

Il fatto che qualcosa sia etichettato come biodegradabile o compostabile non significa che dobbiate compostarlo in un'unica soluzione. il vostro giardino sostenibile.

La corretta gestione di un prodotto alla fine del suo ciclo di vita è fondamentale. Un prodotto biodegradabile non significa che si decomponga ovunque, dipende dalle condizioni di compostaggio.

Nella maggior parte dei casi, per garantire la biodegradazione entro un periodo di tempo accettabile, è necessario il compostaggio industriale secondo linee guida rigorose. Secondo le linee guida europee, i materiali devono decomporsi entro sei mesi negli impianti di compostaggio industriale. Ma ci vorrà molto più tempo negli spazi aperti.

Biodegradabilità non significa sempre che un prodotto si decomponga in qualsiasi ambiente. I polimeri biodegradabili spesso si decompongono solo in impianti di compostaggio commerciali in condizioni specifiche.

La temperatura, il tempo, l'umidità e la presenza di batteri e funghi nell'ambiente sono tutti elementi che influiscono sulla degradazione. Solo gli impianti di compostaggio industriale hanno la possibilità di controllare queste variabili.

Purtroppo, queste strutture non sono universalmente disponibili e molte bioplastiche finiscono in discarica dove non si decompongono in modo efficiente. In queste condizioni, possono generare metano, un potente gas serra.

Tuttavia, alcuni prodotti potrebbero essere adatti al compostaggio domestico. Controllate che l'etichetta sulla confezione del cibo riporti la dicitura "compostabile in casa" e, in caso di dubbio, fate delle ricerche sulla confezione.

La scomposizione delle bioplastiche nell'ambiente o nel compost domestico è molto variabile e può richiedere molti anni. I frammenti risultanti, pur essendo piccoli, esistono ancora come microplastiche e può causare danni all'ecosistema.

Riciclaggio delle bioplastiche

Le bioplastiche rappresentano una sfida anche in termini di riciclaggio. Le plastiche biodegradabili e compostabili non possono essere riciclate insieme alle plastiche convenzionali perché possono contaminare il flusso di riciclaggio.

Tuttavia, spesso vengono erroneamente gettati nei cassonetti del riciclaggio a causa della confusione causata dalla terminologia e dall'etichettatura. Il risultato è un aumento dei costi e una riduzione dell'efficienza del processo di riciclaggio.

Vantaggi della plastica compostabile

Usare meno plastica è una scelta migliore per il pianeta e per la nostra salute. Le plastiche biodegradabili non sono la soluzione al problema della plastica.

Ci sono molte situazioni in cui la plastica biodegradabile non può essere considerata un sostituto della plastica convenzionale. Tuttavia, le situazioni in cui la plastica compostabile può sostituire la plastica standard sono buone:

  • Sacchetti compostabili per raccogliere gli avanzi di cibo e i rifiuti organici.
  • Le stoviglie monouso vengono utilizzate in situazioni in cui non è possibile utilizzare stoviglie riutilizzabili. Queste situazioni includono eventi rurali che non dispongono di elettricità o acqua per le lavastoviglie, così come grandi mostre. Il riutilizzabile è l'opzione principale per il servizio al tavolo nei ristoranti, mentre il compostabile può essere preso in considerazione per lo street/finger food.
  • Operazioni di soccorso in caso di calamità.
  • Capsule di caffè (anche se i metodi tradizionali di preparazione del caffè sono molto migliori per il pianeta) e bustine di tè.

Le bioplastiche sono sicure?

Le materie plastiche possono contenere una miscela di composti noti e sconosciuti, alcuni dei quali sono tossici secondo ricerca effettuata nel 2019. Le bioplastiche (biobased e non biobased) vengono promosse come sostituti ecologici dei polimeri tradizionali.

Ricerca dal 2020 mostra che le bioplastiche (biobased e non biobased) sono altrettanto tossiche della plastica tradizionale. Tuttavia, questa ricerca ha rivelato che sono disponibili sul mercato alcuni prodotti non tossici.

Questo aspetto è particolarmente importante quando si fa il compostaggio, che può rilasciare tossine nell'ambiente. Anche il riciclaggio può essere dannoso, in quanto l'utilizzo di plastica riciclata può rilasciare tossine che possono danneggiano la nostra salute.

La chiave è usare meno plastica possibile nella nostra vita e ridurre i rifiuti di plastica. Per molti prodotti questo è inevitabile, ma cambiando lo stile di vita e facendo scelte di consumo intelligenti si può fare molto. Potreste anche considerare di fare la vostra borsa da viaggio o passare a uno spazzolino di legno.

Potrebbe piacerti anche