Guida all'abbigliamento sostenibile

Ultimo aggiornamento il 25 dicembre 2023 da Vita Ecologica

Se vi piace la moda, è fantastico. Purtroppo, l'industria tessile ha molti problemi, dall'emissione di gas serra all'inquinamento da microplastiche, fino alla schiavitù.

In questo articolo daremo una breve occhiata ai problemi dell'industria tessile e alle alternative di abbigliamento sostenibile disponibili.

Impatti negativi dell'industria della moda

Dati pubblicati nel rapporto 2017 della Fondazione Ellen MacArthur, Una nuova economia tessile, mostra che emissioni di carbonio da prodotti tessili ha totalizzato 1,2 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente nel 2015.

La domanda di abbigliamento continua a crescere rapidamente, soprattutto in luoghi come l'Asia e l'Africa. Secondo la traiettoria attuale, le vendite di abbigliamento potrebbero triplicare entro il 2050. Ciò rappresenterebbe più di 26% del nostro budget di carbonio associato al mantenimento dell'aumento del riscaldamento globale. inferiore a 2ºC.

Un diagramma che mostra come si prevede che l'industria tessile avrà effetti sull'ambiente entro il 2050 se non adotteremo un modello di abbigliamento sostenibile.
Gli impatti negativi dell'industria tessile sono destinati ad aumentare drasticamente entro il 2050. Fonte: la Fondazione Ellen MacArthur

Non si tratta solo di emissioni: l'industria tessile è associata a molti impatti negativi su agricoltori, lavoratori e ambiente. I dati di un articolo del 2012 pubblicato su Scienze naturali ha riferito che 20% dell'inquinamento idrico industriale globale proviene dalla tintura e dal trattamento dei tessuti.

Inquinamento da microplastiche è un problema crescente che è stato scoperto e studiato solo negli ultimi decenni. Oggi sappiamo che le microplastiche fuoriescono da molti oggetti domestici, tra cui biberon. Il l'oceano è pieno di particelle di microplastica e sono stati anche nel nostro sangue.

Ricerca suggerisce che 35% di tutte le microplastiche presenti nel mondo provengono dai nostri vestiti. Si stima che circa 500.000 tonnellate di microfibre di plastica Ogni anno, il lavaggio di tessuti in plastica come il poliestere, il nylon o l'acrilico, provoca l'inquinamento degli oceani.

L'industria tessile odierna ha molti impatti negativi sulle comunità locali. Tutte le parti della catena di fornitura sono spesso in condizioni di forte pressione sui tempi e sui costi. Questo può portare i lavoratori a subire condizioni di lavoro pericolose, orari lunghi e retribuzioni basse. Ci sono stati persino casi di schiavitù moderna e lavoro minorile.

Moda sostenibile

Fortunatamente, i consumatori stanno diventando sempre più consapevoli di ciò che acquistano e di dove e come viene prodotto. La moda sostenibile (eco-fashion) è un termine utilizzato per descrivere i prodotti di abbigliamento realizzati in circostanze migliori per il pianeta e per le persone che li producono.

Ma attenzione a greenwashing. Nel 2020, è stato notato che i precedenti sforzi per riformare l'industria tessile hanno fallito. Purtroppo, molti marchi di moda fingono di passare a pratiche più ecologiche, ma non lo fanno. Se potete, fate una ricerca prima di acquistare.

Tessuti sostenibili ed eco-compatibili

Tuttavia, se volete usare il vostro denaro per acquistare in modo più ecologico, ecco un elenco di alcuni dei tessuti più sostenibili ed ecologici già presenti sul mercato.

Canapa biologica

Fiore di canapa

Pianta versatile, la canapa può essere utilizzata per realizzare un'ampia gamma di prodotti, tra cui alimenti, materiali da costruzione, cosmetici e tessuti. È uno dei tessuti più antichi ancora in uso perché può essere utilizzato tutto l'anno. A differenza di altri tessuti, inoltre, si ammorbidisce con il lavaggio.

La canapa è anche una coltura che richiede poca manutenzione. È intrinsecamente ecologica, poiché richiede poca acqua e nessun pesticida.

Se coltivata in modo biologico, senza l'uso di sostanze chimiche per accelerare il processo, la canapa è un tessuto completamente sostenibile.

Cotone organico

Fiore di cotone

Il cotone è una fibra naturale e uno dei tessuti più popolari, ma se lavorato in modo tradizionale può essere molto problematico. Richiede molta acqua e sostanze chimiche, che possono essere dannose per l'ambiente.

La produzione di cotone biologico, invece, non utilizza i prodotti chimici impiegati nell'agricoltura biologica convenzionale. Cercate i marchi che certificano il cotone biologico, come il Global Organic Textile Standard (GOTS) sui capi di abbigliamento.

Il seguente elenco di tessuti di cotone è presentato in ordine generale dal più sostenibile (in alto) al meno sostenibile (in basso).

  1. Cotone riciclato: riciclato meccanicamente da rifiuti pre- o post-consumo.
  2. Cotone biologico: coltivato senza fertilizzanti e pesticidi di sintesi.
  3. Cotone in transizione: cotone prodotto da agricoltori che si stanno orientando verso pratiche biologiche.
  4. Cotone convenzionale.

Lino biologico

I benefici del lino biologico sono molto simili a quelli della canapa. Il lino proviene dalla pianta del lino, che come la canapa ha una lunga storia di coltivazione, richiede poca manutenzione e si decompone naturalmente se non viene trattata. Il lino è inoltre delicato, leggero, durevole e naturalmente resistente alle tarme!

Gli scarti vegetali sono molto ridotti, poiché il lino può essere prodotto da qualsiasi parte della pianta. Sebbene il processo di produzione comporti una discreta quantità di lavoro meccanico e generi alcune emissioni, si tratta comunque di uno dei materiali più ecologici disponibili. Inoltre, queste emissioni possono essere ridotte passando a fonti di energia rinnovabili.

Lyocell

Il Lyocell è un tessuto ricavato dalla polpa di legno, altamente assorbente, antibatterico, inodore e resistente all'umidità. È biodegradabile perché la polpa di legno è un materiale di origine vegetale, il che contribuisce alla sua sostenibilità come tessuto.

La pasta di legno deve essere digerita chimicamente per produrre fibre di cellulosa, ma l'acqua e le sostanze chimiche utilizzate nel processo possono essere solitamente riciclate. Ciò riduce notevolmente la quantità di nuovi prodotti chimici e di acqua necessari per la produzione.

Tessuti riciclati

I tessuti riciclati (come il cotone riciclato) sono realizzati con materiali che sarebbero finiti in discarica. Questo è un bene per ridurre i rifiuti, ma non è il massimo per l'ambiente. Ad esempio, il poliestere riciclato è ottenuto da bottiglie di plastica. Se da un lato riduce i rifiuti di plastica, dall'altro rilascia microplastiche quando vengono lavateche possono finire nell'oceano.

Tessuti non sostenibili

Poliestere

Il termine "poliestere" è l'abbreviazione di qualsiasi materiale realizzato con un polimero sintetico, prodotto dall'uomo. È un tipo di plastica e di solito viene prodotto da materie prime derivate dal petrolio, anche se può essere prodotto da plastica riciclata, colture o persino rifiuti. Le fibre di plastica contribuiscono naturalmente all'inquinamento da plastica.

Nylon

Il nylon è un materiale liscio termoplastico che può essere fusa e trasformata in fibre tessili. Spesso viene prodotto a partire da combustibili fossili.

Acrilico

Questo tessuto è realizzato con fibre sintetiche prodotte dalla combustione di combustibili fossili come il petrolio.

Cotone tradizionale

Questa fibra naturale è problematica a causa dell'elevato consumo di acqua, degli alti livelli di pesticidi e dell'inquinamento da sovralimentazione. La coltivazione biologica del cotone è molto più rispettosa dell'ambiente.

Rayon

Questa fibra è ricavata dalla pasta di legno naturale, ma deve essere prima trasformata in cellulosa utilizzando sostanze chimiche tossiche come l'acido solforico e il cloro. Queste sostanze chimiche possono rimanere sugli indumenti causando a chi li indossa nausea, vomito, mal di testa e dolori al petto.

Riutilizzare e riciclare i vestiti

La fast fashion è un nuovo fenomeno dell'industria della moda. È caratterizzata da capi di abbigliamento di tendenza a basso costo che rispondono rapidamente alla domanda dei clienti, rubando spunti di design alle celebrità delle passerelle o alla cultura della moda e portandoli in strada. L'obiettivo è quello di lanciare le ultime tendenze il più rapidamente possibile, in modo che i consumatori possano acquistarle finché sono ancora alla moda e poi, purtroppo, scartarle dopo pochi capi per passare alla tendenza successiva.

Ricerca ha dimostrato che il singolo più importante Il modo migliore per rispettare l'ambiente quando si tratta di abbigliamento è quello di usare i vestiti fino a quando non sono completamente consumati. I dati suggeriscono che i vestiti possono essere indossati almeno 100-200 volte prima di essere consumati (e alcuni capi durano molto di più!).

Potete prolungare la vita dei vostri abiti indesiderati regalandoli o vendendoli a qualcun altro. Potete anche acquistare abiti di seconda mano. Cercate di acquistare i vostri vestiti a livello locale per ridurre i costi. impronta di carbonio dalle emissioni dei trasporti.

Se i vostri vestiti sono semplicemente troppo logori per essere dati via. Riciclateli! In molti Paesi esistono punti o centri di riciclaggio designati per i prodotti tessili.

In questo modo avranno una vita in più; il riciclo produce emissioni molto più basse rispetto alla produzione ex novo.

Un'altra opzione è quella di riparare i vestiti. Imparare a cucire! In alternativa, potete portarli da un sarto o da un calzolaio per farli riparare. Alcuni rivenditori offrono anche servizi di riparazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche