Consigli per evitare le microplastiche

Ultimo aggiornamento il 31 maggio 2023 da Vita Ecologica

Ora che avete visto come molte microplastiche sono ovunquevi starete chiedendo come posso evitare le microplastiche? Abbiamo stilato un elenco di consigli per aiutarvi a evitare le microplastiche nella vostra vita quotidiana:

1. Non cuocete gli alimenti in plastica al microonde

Sebbene si possa essere tentati di cuocere gli avanzi al microonde direttamente nel contenitore di plastica, il riscaldamento fa sì che il BPA e gli ftalati aggiunti alla plastica si disperdano più facilmente. Sono compresi i contenitori di plastica per tupperware da asporto, i coperchi e i piatti pronti surgelati.

Mettete invece il cibo in un contenitore di vetro o ceramica, oppure tenete a portata di mano qualche piatto per i pasti. Tenete presente che il lavaggio dei contenitori di plastica in lavastoviglie deteriora la plastica a causa dell'acqua calda.

2. Bere acqua di rubinetto filtrata

L'acqua del rubinetto contiene una quantità di microplastiche leggermente inferiore a quella dell'acqua in bottiglia, anche se la differenza dipende in larga misura dal luogo in cui ci si trova nel mondo. È stato affermato che il blocco di carbone, i filtri di distillazione e i filtri a osmosi inversa filtrano la maggior parte, se non la totalità, delle microplastiche presenti nell'acqua del rubinetto. Fate le vostre ricerche prima di acquistarne uno

3. Non comprare tazze da portare via

Il caffè è come un abbraccio in una tazza. Solo che questa tazza è un abbraccio pieno di microplastiche. Credito: Ekrulila/pexel

Molti di noi apprezzano un buon caffè al mattino. Si potrebbe pensare che, dato che il bicchiere da asporto è di carta, non ci siano problemi. Tuttavia, questi bicchieri di carta sono laminati all'interno con una pellicola idrofobica realizzata principalmente di plastica (polietilene e talvolta copolimeri). Anche se queste plastiche sono considerate "sicure", è stato dimostrato che rilasciano microplastiche se esposte a liquidi caldi.

Investite in una tazza da caffè riutilizzabile in acciaio inossidabile o in vetro da utilizzare nel vostro bar preferito. Portare la propria tazza aiuta a ridurre i rifiuti e molte caffetterie offrono ai clienti uno sconto per chi porta la propria tazza.

4. Lavare i capi con un ciclo più freddo e meno aggressivo.

Il nylon, il poliestere, l'acrilico e altre fibre sintetiche costituiscono oggi una parte consistente di tutti i materiali di abbigliamento. La loro popolarità è dovuta alla versatilità, all'economicità e alla durata, che garantiscono protezione nei capi per il freddo e traspirabilità nell'abbigliamento sportivo. Tuttavia, ogni capo d'abbigliamento creato con questi materiali emette centinaia di migliaia di microplastiche per lavaggio

Diversi metodi per ridurre la contaminazione da microfibre sono: l'installazione di un filtro che trattiene le fibre o utilizzando palline per il bucato

Se non siete in grado di fare un investimento in questo momento, lavare i vostri capi con un ciclo più freddo e meno aggressivo vi aiuterà a ridurre la quantità di microfibre sparse, e questo è anche meglio per i vostri capi, che dureranno più a lungo, e allo stesso tempo saranno più economici e rispettosi dell'ambiente.

Se è possibile, anche l'asciugatura all'aria dei vestiti riduce la produzione di microfibre.

5. Utilizzare cosmetici e prodotti per la cura di sé privi di plastica.

Anche i prodotti che usiamo per lavarci i denti e fare il bagno contengono microplastiche. Come molti dentifrici e scrub per il corpo o il viso, alcune lozioni utilizzano la plastica per facilitarne l'assorbimento. Nel 2015 è stato vietato l'uso di microsfere, particelle di plastica trasparente spesso utilizzate per l'esfoliazione, nei cosmetici da risciacquo.

Tuttavia, le aziende hanno escogitato dei modi per aggirare la legalità. Controllate l'elenco degli ingredienti dei prodotti per assicurarvi che non contengano plastica. Fate attenzione a frasi intercambiabili con plastica, come "copolimero acrilato", tra le altre. Scegliete invece prodotti naturali con opzioni prive di plastica e microperle, o articoli privi di plastica che possano biodegradarsi. Le microperle strumento di ricerca può essere d'aiuto a questo proposito.

6. Sostituire le bustine di tè con tè in foglie sfuso

Secondo un documento del 2019 studioLe bustine di plastica rilasciano miliardi di microparticelle e nanoparticelle nel tè. Una tipica bustina di plastica può rilasciare 11,6 miliardi di microplastiche e 3,1 miliardi di nanoplastiche in un solo infuso. Molte bustine di tè commercializzate come carta sono incollate con il polipropilene, un tipo di plastica che non è in grado di garantire la qualità del tè.

Considerate la possibilità di utilizzare il tè sfuso all'interno di bustine di lino riutilizzabili e ricaricabili invece delle bustine di tè commerciali. Potete anche preparare il vostro tè fatto in casa a casa

7. Spolverare, spazzare e pulire regolarmente la casa

Come già detto, non solo consumiamo microplastiche attraverso cibi e bevande, ma possono essere presenti anche nell'aria.

Poiché questi minuscoli frammenti di plastica sono così piccoli, spesso si mescolano alla polvere sotto il letto, negli angoli della casa e nell'aria. Riducete i livelli di queste microplastiche nell'aria spolverando, spazzando e pulendo regolarmente la vostra casa.

8. Agire

Tutti questi consigli sono utili per ridurre l'esposizione personale alle microplastiche. Ma alla fine, per fare davvero la differenza e fermare l'inquinamento da plastica per le generazioni a venire, dobbiamo agire politicamente ora. Firmate petizioni, organizzate proteste e fate pressione sui vostri legislatori locali. L'inquinamento da microplastica è abbastanza noto e molte persone non comprendono ancora la portata della situazione. Diffondete la notizia in modo che anche altri possano prendere decisioni informate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche