La foto mostra i bicchieri di carta impilati.
I bicchieri di carta non sono la soluzione facile che speravamo.

I bicchieri di carta non sono la soluzione.

Ultimo aggiornamento il 9 gennaio 2024 da Vita Ecologica

Avete preparato il vostro picnic con bicchieri di carta anziché di plastica. Molto ecologico, o almeno così pensate. Recenti ricerche dimostrano che Anche i bicchieri e le cannucce di carta possono essere tossici per l'ambiente e per noi.

Sembra che, per quanto ci sforziamo di fare del bene al pianeta, non riusciamo proprio a fare un passo avanti. C'è un modo per fare un picnic senza inquinare?

In questo articolo esploreremo i problemi dei bicchieri e delle cannucce di carta, il loro impatto sull'ambiente e su di noi e, infine, se esiste un modo per fare un picnic ecologico.

Perché dobbiamo ridurre la plastica

Credito: Catherine Sheila/Pexels

Come molti di voi sanno, l'inquinamento da plastica è attualmente una catastrofe globale. Non uso queste parole con leggerezza, e di certo non mi piace fare paura. Personalmente ritengo che l'inquinamento da plastica sia uno dei maggiori problemi da risolvere nel XXI secolo. Forse anche più di cambiamento climatico.

La plastica oceanica sta attualmente soffocando i nostri oceani e le specie acquatiche. La plastica è stata trovata anche in mangimi per animali da allevamento.

Ma questa non è probabilmente la parte più preoccupante. La plastica si degrada in microplastiche e nanoplastiche. Queste minuscole particelle di plastica sono state trovate nelle flussi sanguigni degli esseri umani.

Le nanoplastiche potrebbero essere in grado di attraversare la barriera emato-encefalica. Non abbiamo idea delle interazioni che queste particelle di plastica hanno nel nostro corpo. Non abbiamo nemmeno idea di quali siano gli effetti sulla salute a valle.

È quindi fondamentale limitare la quantità di plastica che utilizziamo. Meno plastica utilizziamo, meno inquinamento da plastica ci sarà.

Può sembrare difficile, ma la plastica è un'invenzione del secolo scorso. La vita è sopravvissuta per miliardi di anni senza plastica e i nostri antenati sono sopravvissuti per centinaia di migliaia di anni senza di essa.

A tal fine, molte persone sono già passate ad alternative di plastica, ove possibile. Cestini per il pranzo in vetro, bottiglie d'acqua in vetro e cannucce di carta. Purtroppo, le cannucce e i bicchieri di carta non sono quello che sembrano. C'è qualcosa di intuitivamente sbagliato nei bicchieri di carta che sembriamo dimenticare.

Consigli per evitare le microplastiche

Smettete di bere il tè dalle bustine! Hanno la plastica

Le bottiglie di plastica riciclata sono un pericolo per la salute

Milioni di microplastiche fuoriescono dai biberon

Il mito della cannuccia di carta

Il problema della carta è che si dissolve. La carta non è in grado di trattenere liquidi o grassi.

Il bicchiere di carta che tenete in mano è un mito. È un bicchiere di carta che è stato rivestito con un sottilissimo strato di plastica, nello specifico acido polilattico (PLA). Il PLA è un tipo di bioplastica. Le bioplastiche presentano una serie di problemi e non sono così biodegradabili come si potrebbe pensare.

Ok, e allora? La tazza è rivestita da un piccolo strato di plastica. È comunque meglio di un bicchiere di plastica, no? Dopo tutto, è sicuro bere da questo bicchiere di carta...

I bicchieri di carta monouso sono sicuri?

Una foto mostra un bicchiere da caffè di carta

I ricercatori dell'Università di Göteborg hanno dimostrato gli effetti dei bicchieri di plastica e di carta monouso sulle larve di zanzara. La ricerca ha dimostrato che sia i bicchieri di carta che quelli di plastica influiscono negativamente sulla crescita delle larve di zanzara.

"Le bioplastiche non si decompongono efficacemente quando finiscono nell'ambiente, nell'acqua. Ci può essere il rischio che la plastica rimanga in natura e che le microplastiche che ne derivano possano essere ingerite da animali ed esseri umani, proprio come accade per le altre plastiche. Le bioplastiche contengono almeno lo stesso numero di sostanze chimiche delle plastiche convenzionali", afferma Bethanie Carney Almroth, docente di Scienze ambientali all'Università di Göteborg.

"Alcune sostanze chimiche contenute nella plastica sono note per la loro tossicità, altre non le conosciamo. Anche gli imballaggi in carta presentano un potenziale pericolo per la salute rispetto ad altri materiali, e stanno diventando sempre più comuni. Siamo esposti alla plastica e alle sostanze chimiche associate attraverso il contatto con gli alimenti".

Sia i bicchieri di carta che quelli di plastica possono rilasciare microplastiche, soprattutto se esposti al calore. Pensate alla vostra tazza di caffè o al vostro Tupperware di plastica per il microonde. Tutti possono rilasciare microplastiche. Non sappiamo quali effetti abbiano sulla nostra salute, ma la loro presenza onnipresente nell'ambiente è motivo di preoccupazione.

Esistono alternative?

Se non eravate a conoscenza dei problemi dei bicchieri di carta. Forse ora vi sentite un po' frustrati. Avete comprato il bicchiere di carta in buona fede, sperando di fare qualcosa di meglio per il pianeta. Ora scoprite che questi bicchieri e cannucce possono essere tossici per voi e per l'ambiente.

Non possiamo fare una pausa? Esistono alternative che non siano tossiche per voi e per l'ambiente?

Per trovare alternative non tossiche, basta guardare alla nostra storia. Da millenni utilizziamo materiali come la porcellana e il vetro come contenitori per alimenti e bevande. Si tratta di materiali collaudati che sono veramente degradabili e non inquinano.

La chiave è quindi cambiare le nostre abitudini. Questo stile di vita usa e getta a cui siamo ormai abituati non era la norma fino a poco tempo fa. Chiedete una tazza o portate la vostra e sedetevi con essa. Perché siamo sempre così di fretta?

E il picnic di cui abbiamo parlato all'inizio dell'articolo? Sarebbe così sconveniente portare dei piatti di porcellana? Certo, bisognerebbe lavarli dopo, ma non è meglio che rischiare la salute e la natura?

Avvolgete gli alimenti in contenitori di vetro o impacchi di cera d'api naturale. Li usiamo noi stessi, quindi sappiamo quanto siano ottimi (no, questo non è un link di affiliazione).

Considerate anche il vantaggio economico. Portare la propria tazza di caffè o non comprare piatti usa e getta vi farà risparmiare sul lungo periodo.

Il futuro delle materie plastiche

Secondo l'Organizzazione Internazionale del Caffè, ogni anno si consumano circa 600 miliardi di tazze di caffè. Attualmente sono in corso negoziati globali presso le Nazioni Unite. Questi negoziati mirano a stabilire un accordo vincolante per porre fine alla proliferazione della plastica nel mondo umano e naturale.

Abbiamo la fortuna di avere scienziati come la professoressa Bethanie Carney Almroth, che fa parte del consiglio della SCEPT - Scientists Coalition for an Effective Plastics Treaty. La SCEPT apporta dati scientifici a questi negoziati. Si batte per la rapida eliminazione delle plastiche inutili o dannose. Inoltre, cercano di garantire che un prodotto scadente non venga sostituito da un altro scadente.

Il piano europeo per l'inquinamento zero: In corso

Consumo per Paese

Nel 2018, il Regno Unito, la Germania e la Francia hanno avuto il il più alto consumo di piatti e bicchieri di carta nell'UE. Il Regno Unito ha consumato 111.000 tonnellate, la Germania 71.000 tonnellate e la Francia 36.000 tonnellate. Insieme, questi tre Paesi hanno rappresentato 51% del consumo totale dell'UE nel 2018.

Invito all'azione

Vi invitiamo a condividere questo articolo. Quanto più riusciamo a sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi posti dalla plastica, tanto prima potremo trovare delle soluzioni.

Vi incoraggiamo anche a farlo sapere agli altri membri della vostra cerchia ristretta. Agite nella vostra vita quotidiana dove e quando potete.

Soprattutto, vorremmo ringraziare voi, il nostro pubblico dedicato. Siete voi che ci spingete a Ecologica.life per fare ciò che facciamo. Come sempre, ci impegniamo per la verità e per condividerla con il mondo. Non dimenticate di essere fedeli a se stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciate vuoto il campo sottostante!

Potrebbe piacerti anche